Friday, 14 December 2018 - 04:51

Danza di guerra: Roccon minaccia la querela contro Bottacin, che replica “ottima idea, un incontro in Tribunale può essere utile”

Feb 25th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Franco Roccon

E’ iniziata la danza di guerra tra Pdl e Lega. Il presidente del Bim Gsp Franco Roccon, sostenuto dal Pdl, dichiara di aver dato mandato ai propri legali affinché valutino se nelle dichiarazioni rese dal presidente della provincia Gianpaolo Bottacin si configura l’ipotesi di reato per diffamazione, e quindi procedere con la querela.  L’esponente leghista avrebbe definito il Bim Gsp “un centro del malaffare” a causa della gestione che ha portato a 51 milioni di debiti con le banche. La minaccia di  querela è giunta oggi a mezzo stampa. E tuttavia non preoccupa per niente il presidente Bottacin, che anzi sfida Roccon dicendo: “Incontro davanti a un giudice? Ottima idea. Credo che un incontro in tribunale possa essere utile. Sono qui”.

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Il presidente Bottacin forse era il caso che facesse un esposto alla magistratura, l’arroganza del presidente Roccon il quale a quanto mi risulta ricopre cariche politiche o comunque poltrone in società a gestione politica forse non si rende conto che se per caso fosse stato amministratore delegato di un azienda qualsiasi ( salvo FIAT E ALTRE AZIENDE ASSISTITE DALLO STATO) PER esempio LUXOTTICA sarebbe a casa dall’oggi al domani.
    Mi pare abbia perso il senso della realtà…

  2. Non avrei mai pensato di essere così d’accordo con un presidente leghista, sia perchè ha osato dissentire con il Bim, sapendo ( o a volte ha la memoria corta…) che è denso di suoi amici, sia perchè ha ancora fiducia nella giustizia come sede atta a verificare la verità ( su questo potrebbe dare lezioni a chi ci governa…)!
    Eppure leggendo altri giornali locali sembrava che tra Bottacin e Roccon fosse tornata pace e armonia…
    Non finisco quasi più di stupirmi, come del silenzio quasi totale dei cittadini…ma possibile che anche a livello locale, dove tutto dovrebbe essere più visibile ed evidente, lascino che i politici si arricchiscano alle loro spalle e si facciano così raggirare e non battano ciglio nemmeno quando si vedono ingiustamente aumentare la bolletta dell’acqua? Ma non era la Lega quella più vicina al popolo?…Siamo ancora in pochi ad auspicare le dimissioni di quesi vertici, ma se la gente si informasse di più, saremmo tutti in piazza a protestare!
    Cristina Muratore (IDV)