13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 31, 2020
Home Cronaca/Politica Acqua: un coordinamento unico regionale tra le autorità di bacino

Acqua: un coordinamento unico regionale tra le autorità di bacino

Maurizio Conte

Un’unica autorità per la gestione regionale dell’acqua coordinerà il lavoro di otto Consigli di bacino. E’ questa la svolta della gestione del ciclo integrato dell’acqua annunciata stamani nel corso di un convegno a Cittadella, in provincia di Padova, dall’assessore regionale all’Ambiente Maurizio Conte. “Sulla spinta della normativa nazionale che ci obbliga a sciogliere gli Aato (Autorità d’Ambito territoriale ottimale) entro il 31 marzo prossimo, abbiamo concordato con il territorio e predisposto una riforma che prevede un coordinamento unico con compito di controllo e approvazione degli atti, e in prospettiva di calcolo di una tariffa unica regionale, affiancata a livello territoriale da “sub-ambiti” corrispondenti gli ambiti territoriali ottimali attuali con compito di gestione e di pianificazione”. Il testo elaborato verrà sottoposto a brevissimo all’approvazione della Giunta regionale del Veneto.
Il territorio del Veneto rimarrà suddiviso in otto ambiti ottimali, corrispondenti ai bacini idrografici. Le funzioni amministrative, di gestione, di pianificazione e di controllo degli ambiti ottimali saranno esercitate dai Consigli di bacino, come forma di cooperazione tra i Comuni, rappresentati nell’assemblea del Consiglio.
A livello regionale ci sarà un Coordinamento dei Consigli di bacino, formato dai presidenti dei vari Consigli o dai loro delegati e presieduto dal Presidente della Giunta regionale o da un assessore delegato. Il Coordinamento dei Consigli di bacino dovrà monitorare i livelli di servizio, controllare il rispetto delle normative e della pianificazione regionale e vigilare sulla corretta determinazione delle tariffe.
 “Abbiamo fatto di tutto  – ha detto l’assessore Conte – per rispettare la scadenza di fine marzo imposta a livello nazionale. I tempi sono stretti ma il lavoro di confronto con il territorio è già stato fatto. Le condizioni richieste erano la tutela dei bacini idrografici e la tutela del ruolo delle amministrazioni locali per non disperdere il patrimonio tecnico/infrastrutturale ma anche culturale raggiunto in questi anni. Nel testo elaborato questi due pilastri sono garantiti. Spero che il Consiglio regionale si renda conto che non è possibile lasciare una tematica così importante all’improvvisazione del legislatore nazionale”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share