13.9 C
Belluno
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home Cronaca/Politica Centrale Camolino-Busche: San Gregorio dice no al progetto

Centrale Camolino-Busche: San Gregorio dice no al progetto

Valle del Mis

Con 389 voti contrari e 43 favorevoli i cittadini di San Gregorio nelle Alpi hanno detto no al progetto della centrale idroelettrica di Camolino-Busche sostenuto dalla cordata Enel e En&En. Un impianto da 90 gigawatt annui e 100 milioni di euro di investimento per realizzarlo. Un’opera che prevede la costruzione di un tunnel di 11 chilometri dove passa una condotta forzata del diametro di 5 metri, con una portata massima di 50 mc/s. Per realizzare questo tunnel, è previsto l’impiego di una talpa meccanica in grado di estrarre 600 mila metri cubi di materiale. L’acqua della diga della Valle del Mis attraverserebbe quindi quattro comuni, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Sospirolo e Cesiomaggiore, per arrivare a Busche. Con il conseguente impatto ambientale e perplessità circa il deflusso minimo vitale dei torrenti Cordevole e Mis e la sicurezza idrogeologica della galleria. Tutte questioni, che sommate alla consapevolezza che i maggiori beneficiari dell’operazione sarebbero stati En&En e Enel e non già il territorio, hanno fatto optare per un secco no al progetto. Ma la partita non è finita, perché i profitti in gioco sono elevati.

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo censimento e monitoraggio coordinato dei nidi: parte il progetto “Belluno città delle rondini”

Primo sopralluogo operativo del progetto "Belluno città delle rondini". Ieri pomeriggio i soggetti organizzatori dell'iniziativa di tutela del volatile hanno effettuato una ricognizione dei...

Ciclone Vaia: raccolti oltre 390mila euro per il Centro coordinamento soccorsi dei Vigili del fuoco di Belluno

Il Fondo di Solidarietà costituito a fine 2018 a favore delle popolazioni venete colpite dal ciclone Vaia da Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil...

Il Consiglio regionale approva le due mozioni Gidoni: Ufficio esecuzione penale esterna a Belluno. Potenziamento del personale all’Ufficio scolastico di Belluno

Venezia 26 mag. 2020 - “Attivare una sede bellunese dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, per evitare ai cittadini e ai dipendenti residenti in provincia...

Rilancio del Nevegal. Fracasso, Pigozzo, Bello e Dal Farra (PD): “Basta rimpalli tra Regione e Comune: assicurare accessibilità ai rifugi con gli impianti già dalle...

Venezia, 26 maggio 2020  "Il rilancio del Nevegal non può più attendere: Regione e Comune di Belluno la smettano di rimpallarsi responsabilità e accampare scuse,...
Share