Friday, 14 December 2018 - 23:26

L’associazione dei Bed & Breakfast preoccupata per la nuova legge che obbliga ad aprire una partita Iva

Gen 31st, 2011 | By | Category: Prima Pagina, Società, Istituzioni

L’ABBAV Veneto, Associazione dei Bed and Breakfast e Appartamenti ad uso Turistico del Veneto, parte dell’omologa Associazione Nazionale ANBBA, comunica il proprio impegno a raccogliere e proporre nelle sedi istituzionali regionali, le osservazioni dei gestori di Bed and Breakfast e Appartamenti Turistici Veneti in riguardo alle modifche alla Legge Regionale sul Turismo. Modifiche che ad una prima lettura scontentano molta parte del mondo della piccola ricettività extralberghiera, in larga parte caratterizzata da un’attività di piccoli numeri e limitata nel corso dell’anno. La parte in cui la bozza circolante in queste settimane, dispone l’obbligatorietà di un attività svolta in maniera imprenditoriale e con partita iva, renderebbe non più economicamente sostenibile per molti gestori, l’attività stessa.
Come pure non si comprende la ratio per cui le camere, anche di grandi dimensioni, debbano limitarsi ad un massimo di due posti letto.
Tutto questo va inoltre in direzione opposta a quanto proposto e richiesto in Regione, dall’ ABBAV, già da tempo.
I gestori di piccole stutture extralberghiere che vogliono far sentire la loro voce possono inserire le proprie proposte e commenti sul forum dell’associazione all’indirizzo:
http://abbavforum.altervista.org/
o prendere contatto col presidente dell’associazione, Adriano Sensale, presidenzaabbav@abbav.org
tel 37 37 26 55 62 oppure con il delegato per la Provincia di Belluno Luca Donzelli scivendo a delegatobelluno@abbav.org
Contibuiranno alla stesura di un documento comune da far valere nelle sedi istituzionali, in incontri
e contatti che sono già in programma.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Salve sono la proprietaria del b&b raffaella di Agordo (bl), sono alquanto allarmata e preoccupata di quello che si sente dire della nuova regolamentazione dei b&b,io sono partita con il mio bed nel 2002 dopo aver fatto i corsi di formazione della provincia di belluno , dove sendrava tutto molto semplice, illudendo le persone , poi invece si stà complicando tutto . io ho speso per il mio beb oltre 150000 euro per dare ai miei ospiti una casa accogliente e decorosa . Con la prospettiva di poter ospitare al massimo 6 persone in 3 camere tenendo conto che si lavora in agosto e nel periodo natalizzio quando cavolo rientro della somma investita? noi ad Agordo si potrebbe lavorare di riflesso della luxottica , con consulenti e tecnici vari ,ma loro vogliono una camera per ciascuno quindi con 3 ospiti sono al completo, ma non ne vale la pena specialmente d’inverno.