Saturday, 20 January 2018 - 22:39

Lega Nord che delusione. Bampo: “abbiamo eletto due parlamentari che a Roma fanno i portaborse di un partito che ha rinnegato le proprie radici”

Gen 6th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Paolo Bampo

Paolo Bampo

“Le affermazioni di Calderoli e di Zaia, non smentite da Bossi,  non sono assolutamente piaciute al nostro Movimento”  scrive l’onorevole Paolo Bampo, leader del Partito autonomista bellunese  – Provincia autonoma Belluno. “Ministro e Governatore, in pratica, hanno affermato che il legittimo diritto all’autonomia e la dignità dei bellunesi  possono essere comprati con un po’ di soldi (aree di confine), o barattati con l’utopica promessa di una “autonomia per tutti”, che non può soddisfare le nostra attuali esigenze (non si vive di solo pane e promesse).  A prescindere che non sta scritto in nessun luogo che un territorio già autonomo non possa poi far parte di un sistema federalista più ampio quando questo eventualmente debba sorgere. E dunque non si comprende, né si accetta, il cambiamento di fronte operato dalla Lega!  Dove è finito il tanto sbandierato “diritto all’autodeterminazione” che tanta fortuna politica  ha portato alla Lega?  E che fine ha fatto la famosa affermazione “padroni a casa nostra” ? Solo slogan elettorali!” sottolinea Bampo.  “Almeno è stata fatta chiarezza!  I vertici della Lega Nord hanno infine esplicitato il loro pensiero circa la nostra Provincia. (ed i leghisti locali cosa dicono?). Il PAB (Provincia Autonoma Belluno), unico partito Bellunese nato proprio per sostenere l’Autonomia dei nostri territori, Chiede scusa ai bellunesi per averli invitati a votare con insistenza per la Lega Nord alle ultime elezioni politiche. A questo punto – conclude l’onorevole Bampo –  possiamo affermare di aver eletto due parlamentari locali, che sono andati a Roma per fare i portaborse di un partito che ha rinnegato le proprie radici, la propria storia ed i propri principi, ma che ha anche tradito la fiducia delle persone e dei Movimenti che avevano riposto in esso le proprie speranze politiche”.

Share

9 comments
Leave a comment »

  1. Parole sacrosante in realtà la Lega è un partito centralista ormai i bellunesi dovrebbero averlo capito, penso sia il caso come in Alto adige che partiti su base locale puntino ad avere un rappresentate a Roma come i partiti dell alto adige per cominciare a trattare su autonomia o meno delegare questo compiro alla Lega è tempo perso.

  2. Credo che il signor Bampo abbia sprecato un ‘occasione per starsene zitto… povero, d’atronde l’invidia è una brutta cosa, nessuno se lo caga, e il gesto di sputare nel piatto dove ha ben mangiato è da persone vili.

  3. Anna, Bampo avrà sicuramente mangiato ma a differenza di altri che continuano a mangiare e bene senza portare nulla al nord ( ricordo che il federalismo ancora non è sicuro che arrivi e ancor di piu che porti piu risorse al veneto) oltre al fatto che la lega goverando a Roma ha fatto piu ricorsi alla corte costituzionale su leggi delle regioni autonome che Lenin Mao e stalin messi assieme rivelandosi un partito STATALISTA che poi a Roma facciano gli statalisti e a venezia i secessionisti fa parte della solita filastrocca ormai trita e ritrita che mi stupisce faccia ancora presa sulla gente la quale disinformata crede alla favole.
    Tornando a Bampo certo ha mangiato ma ha avuto la coerenza di scendere dal cavallo vincente per coerenza con le idee di cui è portavoce, vedendo il mercimonio attualmente in parlamento una mosca bianca criticabile fin che si vuole ma va dato a cesare quello che è di cesare.
    Quanti leghisti ULULANTI lo hanno fatto??? Manco uno stanno bene col culo attaccato alla poltrona e anzi se possono ci fanno sedere anche i figli vedi il TROTA.

  4. Ringrazio la “signora” Anna per l’attenzione e le parole che mi ha riservato.
    Le ricordo unicamente che non me ne andai dalla Lega, ma ne fui espulso per aver cercato (mozione al congresso di Brescia del 25 ott.1998) di convincere Bossi e il partito ad una maggiore coerenza con il passato, abbandonando gli insulti (che vedo essere invece ben appresi) e le battaglie contro “il mafioso di Arcore” o contro gli americani o quelle a favore del famigerato OCHALAN o di Gheddafi o di SADDAM HUSSEIN (o qualcuno ha la memoria corta?) . Nonostante tutto in un ultima luce di speranza avevo chiesto ai bellunesi di dare ancora fiducia alla Lega (povero illuso!)
    Cara “signora” Anna i vili sono coloro i quali accettano di restare nel fango non quelli che si ribellano…o che si firmano solo con il nome di battesimo (sarà quello vero?) “dimenticando” di evidenziare il cognome.
    Per quanto riguarda l’aver mangiato su un certo piatto, ha perfettamente ragione, ma si è dimenticata di dire che sto mangiando ancora dal piatto della politica in quanto percepisco l’indennità di ex parlamentare che guarda caso mi serve proprio per continuare a sbugiardare , i falsi, i rinnegati e soprattutto i ladri e i traditori. Non me ne resto come certi leghisti pensionati a godermi i frutti colti da altri. Continuo a operare in ottemperanza e coerenza al mandato che ricevetti quando fui eletto : contro il sistema! contro il centralismo, contro le strutture marce dello stato italiano, a differenza di chi oggi ha ben posizionato il proprio culo dimenticandosi gli impegni promessi.
    Le ricordo infatti che io circa 30 anni orsono fui tra quei pochi che ebbero il coraggio di venire allo scoperto dichiarandosi leghista (dove era lei?) e quindi il piatto dove ho mangiato posso dire di essermelo prodotto da solo e con pochi altri qui a Belluno ed in Veneto, prima ancora di sapere che a Gemonio (Lombardia) esisteva un tizio di nome Bossi.
    Tanti saluti

  5. Caro Sig Giovanni,
    La ringrazio per la difesa fatta nei miei confronti e nei confronti della verità e, se mi permette un atto di immodestia, vorrei aggiungere che, se oggi il mio Movimento ed io possiamo permetterci di dire ciò che pensiamo, è perchè, se anche io possa aver commesso vari errori od omissioni di natura politica, non ho scheletri negli armadi e nessuno, ripeto nessuno può accusarmi di azioni incoerenti, illecite o scorrette. In vita mia non ho mai e ripeto mai, speso un centesimo per avvocati o tribunali, ma sono pronto a sfidare legalmente chi osi affermare il contrario di quanto sopra.
    Ricambio stima e cordialità
    P:Bampo

  6. Basta fare polemiche. E’ ora che i bellunesi facciano quadrato per la sacrosanta AUTONOMIA senza campanilismi e stupide bandiere.

    Anni e anni di divisione hanno portato hai risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
    Dall’11 gennaio vediamo chi ha a cuore questa provincia, è arrivato l’ora della conta…

  7. “egregio” sig. Bampo, virgolettare il “signora” solo perchè ha ricevuto una “critica” fa’ sì che si meriti l’aggettivo posto alla fine del mio precedente intervento. E la invito a ringraziare i leghisti che a suo tempo hanno dato il voto affinchè lei ora riesca a percepire il suo “misero” stipendio da ex-parlamentare. Se non le comoda lo dia pure in beneficenza. E allora visto che si vanta tanto di essere uno dei pochi che “lavora” per il bene del suo popolo le auguro buon lavoro. (peccato che in pochi si siano fidati di lei…. consiglio una revisione per il “marketing” alle prossime campagne elettorali… probabilmente i bellunesi ben poco si fidano di lei)

  8. “Gentile signora” Anna (che continua a offendere senza mettere il cognome e confonde gli insulti con le critiche),
    io avevo fatto delle affermazioni, a cui lei ha ribattuto con insulti personali (proprio degni di una “signora”), senza però contestarle nella sostanza..
    Sempre io, poi, forse con eccessiva educazione e generosità, ho voluto spiegarle i motivi della mia posizione e lei ancora una volta mi ha attaccato esclusivamente a livello personale senza minimamente entrare nel merito delle mie affermazioni.
    Tutto ciò conferma che lei concorda con me e non può quindi che usare l’arma dell’insulto e della provocazione per contrastarmi.
    Alla luce di ciò, non intendo quindi proseguire in questa stupida polemica e le dico che chi ama stare nel fango , spesso nel fango ci si annega.
    Distinti saluti
    Paolo Bampo

  9. la ringrazio per l’ultimo consiglio, in effetti ho visto che lei non sa nuotare nemmeno nell’acqua marcia oltre che nel fango… cosa che lei è ben bravo a spalare. se non metto il cognome è perchè non ho le sue stesse manie di protagonismo, ma credo che lei abbia intuito chi sono dal momento che lei è abituato ad essere poco signore con le donne che hanno la schiettezza di dire ciò che pensano. e le ricordo che la parola vile è un aggettivo che, oltre a starle benissimo, non è un insulto, bensì una caratteristica (seppur deplorevole) negativa dell’essere umano. Non serve che cerchi di farsi pubblicità, ripeto che qui in zona la conosciamo tutti benissimo e sono rimasti in pochi a fidarsi di lei. troppo pochi, per questo se la è presa???

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.