Monday, 10 December 2018 - 12:40

Cena degli ossi: la coalizione tiene. Sigillato il patto scellerato Bossi-Berlusconi

Gen 5th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Umberto e lo stato maggiore della Lega riuniti ieri sera (martedì 4 dicembre) all’Albergo Ferrovia di Calalzo di Cadore hanno detto sì alla prosecuzione della legislatura in cambio del federalismo fiscale assicurato da . Bossi si era portato anche il figlio Renzo “trota”, quello bocciato tre volte all’esame di maturità, eletto consigliere regionale, ed ora viaggia alla velocità di 9mila euro netti al mese! (Aveva ragione Leo Longanesi, nel Tricolore andrebbe scritto il motto “tengo famiglia”). Una ventina gli invitati alla , con risotto ai funghi, salumi, maiale, cotechino e fagioli di Lamon, preparati dal titolare dell’albergo Gino Mondin. Oltre al ministro Giulio Tremonti, c’era ministro Castelli, e il m inistro Calderoli, l’ex ministro Brancher, il presidente della Regione Zaia, e Gobbo. La promessa di di avere in tasca 10 voti di deputati entro gennaio, dunque, è stata sufficiente, quale garanzia, per scongiurare la richiesta del voto anticipato. “ non dice mai balle” ha detto Umberto Bossi. Prosegue così questa sorta di patto scellerato tra Lega e Pdl, dove Bossi punta ad ottenere all’annunciato federalismo fiscale che gli garantirà il consenso elettorale al nord, e rimane in sella sottraendosi ai processi in forza della carica rivestita. Il Paese diviso in due con il Nord sotto il controllo della Lega e un Sud lasciato al Pdl. Una situazione che, per il momento, conviene a tutti i protagonisti del Palazzo. Che si trasformerà inevitabilmente in una insopportabile cambiale in capo al “popolo sovrano”, che sovrano non è più. Perché la sovranità, con l’eliminazione delle preferenze operata dalla legge “Porcellum”, è passata di mano alle segreterie di partito. Il futuro dell’Italia si decide oggi alle cene di lavoro tra leader. Una deriva generale, con la Regione Sicilia fuori controllo: nello scorso dicembre la provincia di Siracusa ha assunto a tempo indeterminato 331 precari alla faccia del resto d’Italia. Da notare che in Sicilia vi sono già 19.739 dipendenti pubblici, contro i 3.129 della Lombardia. Ma nessuno dice nulla. La solidarietà potrebbe spezzarsi e Bossi lo sa benissimo e così raccoglie più voti.

Share
Tags: , ,

4 comments
Leave a comment »

  1. ROMA (4 gennaio) – L’Istat ha comunicato oggi che il tasso di inflazione medio annuo nel 2010 è stato pari all’1,5%, quasi raddoppiato rispetto a quello del 2009 (0,8%). A dicembre 2010 l’inflazione è balzata all’1,9% su base annua, dall’1,7% di novembre, con un aumento dei prezzi al consumo dello 0,4% su base mensile. Si tratta del dato più alto dal dicembre 2008.

    GLI OSSI SONO QUELLI DEGLI ITALIANI RIDOTTI ALL’OSSO ma non si vergognano sti qui io per dignità non mi farei manco vedere in giro il dramma è che c’è chi li acclama li stima li VOTA una classe politica magnona parassitaria ingorda alla faccia degli italiani e dei BEOTI che li votano. frà l altro il bellunese ormai è terra di vacanza e di magnate per sti 4 individui decideranno come depredarlo ancora di piu che servizi delocalizzare nella trevisana come cementificarlo ancora di piu per dare soldi agli amici della impregilo, enel e confindustria vergognosi come pochi.

  2. Gli ossi? Osso Mastrosso Carcagnosso.

    Ovvio che il governo si ricompattasse. Bossi non può andare alle elezioni senza dire al suo popolo “abbiamo fatto il federalismo”. Berlusconi non può andare alle elezioni sennò le perde.

  3. Una volta le decisioni si prendevano nelle sedi approppiate se si può parlare di decisioni ora
    si va a ombre della serie ” beviamo per dimenticare”

  4. Sì, spolpano le ossa dei bellunesi, e poi Calderoli rutta, che altro non sa fare