Sunday, 24 June 2018 - 14:58

Quando lanciare monetine diventa reato, ma barattare il voto per la promessa di un cimitero per cani o per un posto retribuito in una società municipalizzata, o cambiare schieramento, o assegnare lavori senza gare d’appalto è perfettamente legale. Lettera aperta al presidente del consiglio comunale di Belluno

Dic 15th, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
La protesta del BL.itz a Palazzo Rosso

La protesta del BL.itz a Palazzo Rosso

Caro Presidente del Consiglio Oreste Cugnach, ci rivolgiamo a lei dopo aver letto il suo intervento di condanna e disapprovazione verso il nostro gesto del 27 settembre. L’intervento tradisce un certo nervosismo che ci fa capire di aver toccato un nervo scoperto del  percorso amministrativo di questa
maggioranza, ovvero la scarsa fiducia della stessa verso il Sindaco e i suoi fedelissimi. Non a caso, proprio in questi giorni, è lei stesso a ribadire che c’è bisogno di una nuova verifica di maggioranza. L’ennesima?! Lei stesso, che nel suo intervento contro di noi, definisce il voto di fiducia legittimo,
democratico e motivato e pochi giorni dopo, la sua maggioranza, dà di nuovo prova della sua inconsistenza, con un Sindaco pronto a screditare l’unico partito che gli aveva giurato fedeltà fino alla fine: l’UDC. Purtroppo gli interessi personali e privatistici mantengono in piedi questa maggioranza, fotocopia di un teatrino ben più grande e allarmante messo in scena su scala nazionale anche dall’attuale governo Berlusconi. La compravendita di parlamentari, politici, piccoli amministratori, consiglieri sembra dunque prassi nell’attuale democrazia rappresentativa, su tutti i livelli. Locale e nazionale.Forse lanciare delle monete in un consiglio comunale è un atto illegale, ma che giudizio etico e morale dobbiamo esprimere verso una politica basata sulla compravendita e sulla spartizione lobbystica degli interessi. Da che parte sta la giustizia? Non quella delle leggi, ma quella che sta più in alto, quella sociale. Per questo, non le sembra sia un po’ ipocrita venire a giudicare la nostra
azione in consiglio quando tra i suoi colleghi c’è chi vota la fiducia al Sindaco in cambio di un cimitero per cani…? Sia ben chiaro, non siamo i paladini della giustizia, ma siamo solo un pezzettino, visibile, di una cittadinanza attiva che per il bene del suo territorio e per la dignità dello stesso è disposta ad investire tempo e ogni tanto anche di rischiare qualcosa per ribadire che esiste un’altra città possibile. Quale? Su questo ci sarebbe piaciuto aprire un dialogo ma l’unica risposta che avete saputo dare è sempre avvenuta attraverso polizia e magistratura, dando esattamente l’idea dello spessore delle vostre argomentazioni.
BL.itz – per l’autonomia

Share
Tags:

2 comments
Leave a comment »

  1. Concordo in pieno purtroppo Belluno in piccolo è uguale al governo Romano Prade è uguale a Berlusconi daltronde vengono indottrinati da giovani, con lavaggi del cervello fin da giovani ( vedi i promotori della libertà) un partito ( per modo di dire in realtà è ad uso e consumo del presidente del consigio) che come inno ha ”Per fortuna che silvio c’è sull esempio della corea del nord e della piu cruente dittature comuniste ( I pidiellini sono i nuovi comunisti che hanno espulso dal parlamento i vecchi comunisti) mentre nel vecchio comunismo la nomenklatura sistemava prima sè stessa poi se forse il popolo i nuovi comunisti sistemano prima il capo poi gli amici e il popolo può pure morire di fame.
    Tempo al tempo Nel 2011 la crisi economica spazzerà via questa umanità ridente che si è appropriata dello Stato e dei media. Straccioni sociali che hanno avuto nella politica l’unica via per il successo, per sentirsi importanti, indispensabili, “onorevoli”. Io non salvo nessuno e auguro a tutti di ritirarsi per tempo, prima che lo faccia la Storia che è, come si sa, imprevedibile e feroce.

  2. A parte il fatto che, da cinofilo incallito, la creazione di un cimitero per i cani mi sta meglio di altre scelte fatte da questa amministrazione, condivido la lettera dei BL.itz-per l’autonomia (io, per deformazione, l’avrei scritta con la A maiuscola) .
    Bravi!!
    Sottoscrivo e ribadisco i concetti espressi, rilevando che, purtroppo, la verità viene enunciata sempre da soggetti che apprezzano l’importanza della coerenza, ma che, pur conoscendo il valore etico e morale, non hanno responsabilità politiche.
    Speriamo che, prima o poi, qualcuno in politica si vergogni del proprio comportamento.