Wednesday, 19 September 2018 - 20:27

Rinasce il Giro del Piave. La gara, nata nel 1919 si disputerà il 3 settembre con arrivo in Nevegal

Dic 10th, 2010 | By | Category: Eventi, sport, tempo libero, Prima Pagina
Walter De Cian e Ivan Basso

Walter De Cian e Ivan Basso

Rinasce il Giro del Piave. Quella che rappresentava una delle manifestazioni per dilettanti (ora Under 23 ed Elite) di maggior tradizione in Veneto e in Italia tornerà ad avere, dopo un decennio di assenza, una data nel calendario del ciclismo italiano.  La data sarà quella di sabato 3 settembre 2011 e l’organizzazione sarà a cura del Comitato di della Federazione ciclistica italiana. Partenza da Santa Giustina e arrivo in Nevegàl, transitando per tutta la Valbelluna e avendo come momento clou, oltre alla scalata del Colle (dal versante di Quantin, Ponte nelle Alpi), il passaggio sulla salita di Sospirolo, una delle sedi d’arrivo storiche del Giro.«Il tracciato misurerà attorno ai 140 chilometri e al momento è definito nelle sue linee generali – spiega Valter De Cian, presidente di Fci – Vogliamo fare in modo di toccare il maggior numero di località possibili della Valbelluna, offrendo un percorso dagli alti contenuti tecnici oltre che spettacolari». La gara, nata nel 1919 (la vittoria andò al bellunese di Castion Riccardo Savaris), vanta nomi di eccellenza assoluta nel proprio albo d’oro: da Ottavio Bottecchia (vincitore di due Tour de France e morto in circostanze misteriose nel 1927, si impose al Giro del Piave nel 1920) a Raffaele Di Paco (primo nel 1929), da Giovanni Pinarello (1941) ad Arnaldo Pambianco (1957), da Vendramino Bariviera (1958) a Gino Fochesato (1970), dall’olimpionico veronese Eros Poli (1982) all’ucraino Sergey Gonchar (1996). «Il Giro del Piave è una corsa di prestigio che mancava dalla nostre strade e che riaffermerà in maniera importante il forte legame del Bellunese con le due ruote – dice ancora De Cian – Non a caso abbiamo posto l’arrivo in Nevegal, località che sarà sede di tappa del Giro d’Italia il prossimo 24 maggio. Il Giro del Piave, del resto, sarà, la manifestazione conclusiva di una serie di eventi che collaterali al Giro d’Italia nel Bellunese per l’anno 2011 proposti dalla Fci provinciale».
Ma oltre che con la corsa rosa, il Giro del Piave 2011 sarà collegato in maniera stretta anche al Giro del Veneto: costituirà infatti la terza e conclusiva frazione della gara a tappe coordinata da Franco Cogo. «Il Giro del Veneto cambierà pelle il prossimo anno e proporrà un prologo e tre tappe – spiega ancora il presidente di Fci Belluno – Il Giro del Piave costituirà l’ultima frazione. Sarà, dunque, una gara nella gara, perché decreterà sia il vincitore della “nuova” corsa bellunese, sia il vincitore della classifica generale finale del Giro. Sarà, soprattutto, un’altra grande opportunità di sport e di promozione per il nostro territorio, un’occasione per la quale già si stanno spendendo tanti volontari e tante amministrazioni come i Comuni di Sospirolo e di Santa Giustina: proprio qui, nella sede di partenza della gara, in accordo con l’assessore allo sport  Alessandro Dal Pan, il girono precedente il Giro proporremo, in Piazza maggiore, un momento promozionale per i giovanissimi, con prove di abilità e mini competizioni. Prezioso – aggiunge De Cian – è anche il contributo di Turismo e Regione Veneto nelle persone di Renzo Minella e Dario Bond. Per quello che riguarda l’organizzazione, faremo squadra con le società bellunesi: in particolare l’Uc Foen di Alfonso Scopel, il Gs Fonzaso di Fermino Lira e il Pedale di Ivan Piol.

Share
Tags: , ,

Comments are closed.