13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 5, 2020
Home Cronaca/Politica Lucia Vastano ieri sera all'Insolita storia: uno spaccato di come gli interessi...

Lucia Vastano ieri sera all’Insolita storia: uno spaccato di come gli interessi economici piegano le decisioni politiche

Lucia Vastano e Italo Filippin
Lucia Vastano e Italo Filippin

«Sapete qual è stato il primo contratto sottoscritto dagli americani in Iraq dopo Saddam e in Afghanistan caduto il regime talebano? Fu quello della società statunitense Monsanto, che prevedeva l’obbligo di utilizzare le loro sementi Ogm alle popolazioni locali». Lo ha detto ieri sera (venerdì 3 dicembre)Lucia Vastano, giornalista e scrittrice, nel corso della presentazione dei suoi libri (“Un cammeliere a Manhattan” e “Tutta un’altra musica in casa Buz”) al bar Insolita storia in via Zuppani a Belluno, con la introduzione dell’onorevole Gino Sperandio. «La Monsanto è quella società che produceva per gli Stati Uniti l’Agente arancio, il defogliante chimico impiagato nel Viet Nam, risultato cancerogeno e responsabile di difetti alla nascita nei bambini figli dei veterani e dei vietnamiti esposti alla sostanza». Lucia Vastano ha sempre avuto la passione di viaggiare e scrivere.«Il mio primo viaggio l’ho fatto in India, da sola a 16 anni e lì ho conosciuto due fratelli del posto con una vespa 50 truccata e dello stesso colore della mia, a Milano». Questa in seguito diventa una professione, che la porta come inviata di guerra in Libano, Angola, Salvador, Cambogia, nel Golfo e in Iraq, nei Balcani, in Albania, Afghanistan e Kashmir. L’Afghanistan e l’Iraq raccontati dalla Vastano nei suoi libri sono quelli della gente comune, tratti dalle emozioni vissute camminando per strada. Senza il linguaggio ingessato dei comunicati stampa e delle dichiarazioni ufficiali filtrate da politici e ambasciatori. Inevitabile che nell’incontro di ieri sera a Belluno si parlasse anche dell’altro suo libro: “Vajont, l’onda lunga. Quarantacinque anni di truffe e soprusi contro chi sopravvisse alla notte più crudele della Repubblica”. «La storia del dopo Vajont è legata al miracolo del Nord-Est, con una massa di soldi dirottati dal Vajont alle “province limitrofe” come recitava la norma – afferma Vastano – Un business della tragedia e della ricostruzione, come avviene nelle guerre». Lucia Vastano ha raccontato il suo impegno a fianco dei “cittadini per la memoria del Vajont”. E l’epilogo sconcertante sull’istituzione della “giornata della memoria per i disastri causati dall’uomo”. Che viene modificata e diventa, su iniziativa delle parlamentari Simonetta Rubinato e Simona Rossa (figlia del sindacalista bellunese ucciso dalla Brigate Rosse)“la giornata della memoria in ricordo di tutte le vittime di eventi e disastri naturali”. «Abbiamo cercato di opporci,tutti insieme, c’erano anche sindaci e associazioni, sostenendo che il Vajont non è un disastro naturale. Perché ci sono sentenze di condanna che identificano delle precise responsabilità. Alla fine passa il testo modificato che in sostanza è come un colpo di spugna»! Sull’argomento è intervenuto anche l’ex sindaco di Erto Italo Filippin, che parla di “buchi neri del Vajont” e lancia alcuni interrogativi: «La Sade riceveva contributi fino al 40% a fondo perduto dallo Stato. Nel passaggio tra Sade (società privata) e Enel (società allora pubblica)c’è una clausola contrattuale per la quale l’Enel acquisisce solo gli impianti finiti e funzionanti della Sade. Ecco perché erano molto forti gli interessi a concludere i lavori, pur essendo noti i gravi rischi. Nessuno mi ha mai saputo dire quanto ha pagato l’Enel (quindi lo Stato) alla Sade per rilevare gli impianti. E come mai le 10 persone finite alla sbarra per il disastro del Vajont sono solo i dipendenti, ingegneri, progettisti. E invece chi deteneva la proprietà, e quindi ha intascato i soldi dall’Enel, non è stato mai toccato»?
Roberto De Nart

Share
- Advertisment -



Popolari

Estate in villa. Venerdì e sabato apre Villa Buzzati 

Il quinto fine settimana della rassegna "Estate in villa" si svolgerà a Villa Buzzati, alle porte di Belluno. Proprio qui, nella casa natale di...

I borghi più belli d’Italia. Lunedì 10 agosto a Mel la passeggiata tra i palazzi del centro con cicchetti

E' in arrivo un nuovo format dei borghi più belli d'Italia. Il Borgo dei desideri è un evento in cui i borghi diventano “luoghi...

Si cerca Primo De Bortoli, 56enne di Pedavena che non è più rientrato da un’escursione

Pedavena (BL), 04 - 08 - 20  Si concentreranno domani nella zona di Pian d'Avena, Col Melon, le ricerche di Primo De Bortoli, il...

Sicurezza, protezione civile, pubbliche manifestazioni. Riunione in Prefettura. Decisa la nuova sede operativa della protezione civile nella nuova caserma dei vigili del fuoco

Si sono tenute oggi, al Palazzo del Governo, presiedute dal prefetto Adriana Cogode, due riunioni sui temi legati alla sicurezza e, in particolare, sulla realizzazione...
Share