Saturday, 14 December 2019 - 01:12
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

“Federalismo, ci siamo?” alcune anticipazioni del prof. Luca Antonini, relatore del convegno domenica alla Carpenada

Nov 17th, 2010 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Domenica 21 novembre alle ore 10 presso il Park Hotel Villa Carpenada a , si terrà il convegno organizzato dall’Ascom dal titolo “Federalismo, ci siamo?”. Avere il prof. Luca Antonini tra i relatori del convegno organizzato da Ascom per domenica 21 significa “andare alla fonte” per chiedere, al di là di ogni retorica, lo stato di avanzamento del processo che condurrà il nostro Paese al federalismo. Il prof. Antonini, docente di Diritto costituzionale, Diritto costituzionale comparato e Diritto costituzionale tributario all’Univerisità di Padova, vanta una bibliografia sterminata sul tema (otre 100 tra saggi e pubblicazioni) a partire all’indomani della riforma del titolo V della Costituzione (cfr. il saggio “La prospettiva del federalismo fiscale alla luce del nuovo art. 119 della Costituzione”) a fasi successive, in cui la dottrina e anche la politica andavano progressivamente maturando la compiuta definizione di un percorso giuridico sociale volto a conseguire l’obiettivo della riforma federalista. Riguardo a ciò si vedano, tra i tanti, i saggi “Dal federalismo legislativo al federalismo fiscale”, “La sussidiarietà fiscale come fattore di democrazia sostanziale” e i vari studi di diritto comparato in cui l’esperienza italiana viene messa a confronto con altre, quale quella spagnola. La specifica competenza del prof. Antonini lo porta a diventare consulente giuridico del ministro Tremonti, collaborando in tale veste alla stesura del disegno di legge sul federalismo fiscale, fino ad esser designato quale presidente del COPAFF, il Comitato tecnico paritetico per l’attuazione del federalismo fiscale, che altro non è che l’organismo istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze quale sede di condivisione delle basi informative finanziarie, economiche e tributarie con compiti di fornire elementi istruttori utili per la concreta attuazione del federalismo fiscale. Ecco quanto il prof. Antonini ha avuto modo di dichiarare: “Il recente decreto approvato dal Governo sul federalismo fiscale e in particolare sul fisco regionale e costi standard in sanità scrive la parola fine sull’aspettativa dei ripiani statali degli extra deficit sanitari pagati da tutti i contribuenti italiani e avvia una solida responsabilizzazione delle realtà regionali. A questa responsabilizzazione corrisponde la trasparenza che sarà garantita dai nuovi costi standard in materia di sanità. Si avvia la possibilità di una competizione virtuosa tra le realtà regionali, con la possibilità di nuove forme di aiuto fiscale alle imprese attraverso la possibilità anche di azzerare l’Irap.  L’addizionale Irpef viene connotata in termini di favor familiae e di sussidiarietà orizzontale. Trova applicazione per la prima volta il principio di territorialità nella definizione della compartecipazione all’Iva.” Per quanto sia riconosciuta in modo pressoché unanime l’autorevolezza ed il rigore scientifico del prof. Antonini, le sue dichiarazioni hanno sollevato un vivace dibattito tra gli esperti e tra coloro che manifestano scetticismo verso questa prospettiva. Con l’incontro di domenica  speriamo di poter contribuire a far comprendere tutte quelle parti del processo che ancora risultano difficili da calare nella realtà concreta delle imprese e della gente comune” afferma il presidente dell’Ascom provinciale, Franco Debortoli . “Ben venga il confronto e il dibattito tra posizioni anche magari differenti purché determini un passo oltre la difficile situazione attuale.”

Share
Tags:

Comments are closed.