2.3 C
Belluno
sabato, 29 Febbraio, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Martedì in Sala degli Stemmi a il primo di due incontri...

Martedì in Sala degli Stemmi a Feltre il primo di due incontri dedicati al tema della ricerca archeologica

Martedì 31 agosto, Ore 21.15 Evening Lecture, aperta al pubblico, presso la “Sala degli Stemmi”, palazzo Municipale, Piazzetta delle Biade, 1 con relatori il prof. Sauro Gelichi, archeologo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e Renato Nisbet, archeobotanico “A che cosa serve l’Archeologia Ambientale”
L’archeologia ambientale ha per oggetto di studio gli “ecofatti”, ovvero i resti e animali raccolti negli scavi archeologici. Parimenti si occupa dello studio dei reperti legati alla geologia, ovvero i sedimenti e i suoli. Ma l’archeologia ambientale guarda anche allo studio delle testimonianze materiali (i manufatti) come indizi della storia dei rapporti tra le società umane e il contesto ambientale in cui vivevano.
E’ l’archeologia che studia la storia delle risorse ambientali e delle pratiche di produzione e di uso delle stesse. E’ uno strumento fondamentale per la ricerca sulla storia rurale e silvo-pastorale delle società e dei patrimoni culturali locali.
Per questi motivi la scuola di archeologia ambientale trova una sua naturale collocazione. L’Università Ca’ Foscari, con il prof. Gelichi e il prof. Biagi, spigheranno alla cittadinanza attraverso una chiacchierata informale, ma di altro profilo scientifico, i motivi della scelta scientifica e le possibilità di sviluppo della disciplina in ambito alpino.
Sauro Gelichi ha iniziato la sua carriera nel 1981 come ispettore medievista presso la Soprintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna. Dal 1992 al 1997, anno in cui è stato chiamato a Venezia, ha insegnato Archeologia medioevale presso l’Università di Pisa. Dal 2005 è Professore Ordinario di Archeologia medievale. E’ responsabile della rivista “Archeologia Medioevale” e fa parte del comitato di redazione delle riviste “Archeologia postmedievale” e “Rivista di archeologia”. Dal 2000 al 2004 è stato Presidente della Società degli archeologi medievisti italiani (S.A.M.I.) e ora fa parte del Consiglio Direttivo.
E’ Presidente dal 2006 dell’Associazione Internazionale AIECM2.
Si è occupato principalmente della storia della produzione (soprattutto ceramica), dell’insediamento rurale (villaggi e castelli) e delle città. Negli ultimi anni sta lavorando all’archeologia dell’insediamento lagunare veneziano e degli empori alto-medievali dell’Adriatico. Si occupa attivamente di valutazione della risorsa archeologica. E’ stato titolare di numerosissimi scavi e ricerche in Italia (Lombardia, Emilia Romagna, Friuli, Toscana, Abruzzo) e all’estero (Tunisia, Siria, Turchia e Montenegro).
Renato Nisbet insegna Archeobotanica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha all’attivo numerosissime ricerche e pubblicazioni sia in Italia che all’estero.

Giovedì 02 settembre, Ore 21.00
Evening Lecture, aperta al pubblico, presso la “Sala degli Stemmi”, palazzo Municipale, Piazzetta delle Biade, 1
Paolo Biagi, Archeologo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia
“The Italian Archaeological Mission in Sindh, Pakisthan”
Paolo Biagi è professore ordinario di Paletnologia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha compiuto campagne di scavi e di ricognizione archeologica in Italia, Gran Bretagna, Kuwait, Oman e Pakistan. Dal 1993 è direttore della Missione Archeologica Italiana nel Sindh altrimenti detta Joint Rohri Hills Project. Nel marzo del 1999 è stato insignito dal Governatore del Sindh della medaglia d’oro della Shaha Abdul Latif University di Khairpur per il lavoro condotto negli ultimi 15 anni sulle Rohri Hills.
L’area delle Rohri Hills rappresenta uno dei più vasti sistemi minerari per l’estrazione della selce del mondo antico. Le cave di selce sono pozzi a cielo aperto scavati nel calcare per raggiungere importanti vene di selce. Tutto in torno ai pozzi si distribuiscono migliaia di officine per la preparazione e il taglio dei prodotti pronti preparati per l’esportazione. Siamo nell’età Bronzo, ma questa attività aveva già un carattere di tipo industriale.
È un progetto:
Fondazione per l’Università e l’Alta Cultura in Provincia di Feltre
IDEAS
Centro Interdipartimentale per l’Analisi delle Interazioni Dinamiche tra Economia Ambiente e Società – Università Ca’ Foscari Venezia
Programma – Progetto
“Feltre Archeologia. Diagnostiche per lo Studio del Passato”, Direzione Scientifica Sauro Gelichi
Direzione scientifica: Paolo Biagi
Comitato Scientifico: Paolo Biagi, Renato Nisbet, Sauro Gelichi, Gabriele Zanetto, Filippo Maria Carinci
Coordinazione:, Renato Nisbet, Diego Calaon, Veronica Giove
Docenti:
– Diego Angelucci, Laboratorio di Preistoria “B. Bagolini”, Dip. di Filosofia, Storia e Beni Culturali, Università degli studi di Trento (I)
– Paolo Biagi, Dip. Di Scienze dell’Antichità e del Vicino Oriente, Università Ca’ Foscari – Venezia (I)
– Alberto Girod, Laboratorio di Malacologia Applicata, Milano (I)
– Marcello Mannino, Department of Human EvolutionMax Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Lipsia (D)
– Renato Nisbet, Dip. Di Scienze dell’Antichità e del Vicino Oriente, Università Ca’ Foscari – Venezia (I)
– Klaus Oeggl, Institut für Botanik der Universität Innsbruck (A)

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio sul Col Melon a Pedavena

Pedavena, 28 febbraio 2020  -  Dalle 18:30, i vigili del fuoco sono impegnati in località Belvedere sul Col Melon a Pedavena per un incendio...

Recuperato sciatore su Padon

Rocca Pietore (BL), 28 - 02 - 20  -  Poco prima delle 16 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Val...

Scossa di terremoto 2.7 a Chies d’Alpago

Alpago, 28 febbraio 2020 - Una scossa di terremoto di magnitudo ML 2.7 è stata registrata oggi pomeriggio alle ore 18:07:32 a 2 km...

Coronavirus. Incontro in Prefettura tra istituzioni, categorie e sindacati

Belluno, 28 febbraio 2020  -  In data odierna le Organizzazioni sindacali provinciali della Cgil, Cisl e Uil hanno partecipato all’incontro convocato in Prefettura con...
Share