Sunday, 24 June 2018 - 14:56

Il premio San Martino ad un giovane? Bampo: “Suggestiva, ma poco attinente la proposta di Da Rin”. Un’elemosina liberatoria di un Paese governato da vecchi oligarchi

Ago 24th, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

E’ uno strano Paese l’Italia, governato da oligarchie di vecchi, che sbarrano la strada ai giovani talenti. Salvo poi inventarsi qualche estemporanea iniziativa per cercare di riprenderseli. Qualche anno fa c’erano gli incentivi (scaduti e non più rinnovati) per far rientrare la fuga di cervelli poi nuovamente fuggiti. L’assessore Da Rin qualche giorno fa è andato oltre, con la sua proposta di premiare le potenzialità dei giovani. Una indeterminatezza che oggi viene criticata, ma in parte assecondata con la proposta di istituire un premio “giovani promesse”, dall’onorevole Paolo Bampo nell’intervento che segue. Iniziative, insomma, che hanno tutta l’aria di essere un’elemosina liberatoria partorita da vecchi oligarchi, che nulla ha a che vedere con la professionalità, il merito e i risultati sanciti dal mercato.
“Sicuramente incentivare, a volte, è meglio che premiare – scrive Paolo Bampo in una nota –  ma stravolgere il regolamento del Premio San Martino senza prima averlo cambiato, come vorrebbe fare l’assessore alle politiche giovanili Da Rin, striderebbe troppo con la correttezza istituzionale. E’ condivisibile l’idea che i giovani siano da stimolare attraverso riconoscimenti incentivanti, ma sarebbe opportuno che ciò avvenga senza penalizzare chi abbia meritato una testimonianza di gratitudine generale alla propria carriera o comunque al proprio vasto operato, soprattutto se apprezzato anche fuori dai confini provinciali. Non è sufficiente, infatti, la buona volontà o una raccolta di lauree o una attività occasionale, pur validissima,  per meritare la più importante attestazione di riconoscenza della città. Con questa logica, potremmo, per assurdo,  giungere persino a proporre di intitolare una via cittadina ad un promettente giovane che sia “intenzionato” a divenire in futuro il più famoso scrittore bellunese o il più grande capitano d’industria o il novello Mennea dell’atletica, avendo però, sino ad allora, compiuto solo i primi passi verso una carriera ancora tutta da dimostrare.. Faccio una proposta a Da Rin – conclude lò’onorevole Bampo – , ma anche a tutta l’amministrazione comunale, affinchè le potenzialità giovanili trovino comunque l’attenzione della città, senza creare controproducenti attriti tra le diverse situazioni (attività svolte o già meritevoli di riconoscimenti e attività in incubazione o meritevoli di incentivazione): modificare (ormai con validità per l’anno prossimo) il regolamento del premio inserendo una sezione “Giovani Promesse di San Martino ” oppure, istituire un vero e proprio Premio staccato dal San Martino e dedicato completamente ai giovani”. Chi volesse sostenere la candidatura del Maestro Massimo facchin al Premio San Martino 2010, potrà firmare il modulo di presentazione presso Sara assicurazioni di Belluno in via Col di Lana, mercoledì  25 dalle ore 9.30 alle 12.30.

Share
Tags:

Comments are closed.