2.3 C
Belluno
sabato, 29 Febbraio, 2020
Home Cronaca/Politica Ciambetti: “il Veneto è una nazione e ha diritto al suo statuto...

Ciambetti: “il Veneto è una nazione e ha diritto al suo statuto come la Catalunya”

Roberto Ciambetti
Roberto Ciambetti

“La Catalunya non è un caso unico in Europa e al pari dei catalani anche noi possiamo dire ‘Som una Nació’, siamo una Nazione”. Roberto Ciambetti, assessore regionale al bilancio della Giunta Zaia, replica così alle dichiarazioni della scrittrice Alicia Giménes-Bartlet, la quale, interpellata sulla proposta di Statuto del Veneto, ha affermato che la situazione catalana non è paragonabile a quella veneta. “Nessuno mette in dubbio l’esistenza di una nazione catalana – spiega Ciambetti – così come nessuno si sogna di dire che non esiste una nazione scozzese. Dal 1707 formalmente, perché dal punto di vista dinastico bisognerebbe retrodatare l’annessione ai primi anni del Seicento, la Scozia fa parte della Gran Bretagna; negli stessi  anni, tra il 1707 e il 1716, i quattro Decreti di Nueva Planta creavano lo stato centralista  borbonico spagnolo, imponendo con l’ultimo di questi decreti condizioni vessatorie per la Catalunya, ad iniziare dall’imposizione del Castigliano e l’abolizione delle Istituzioni catalane. Era il 1716, lo stesso anno in cui la Repubblica di Venezia riusciva a tener testa alla flotta turca e a difendere vittoriosamente Corfù. Forse Alice Gimémes-Bartlet non sa, come la maggioranza degli italiani, che ancora nel 1866 il comandante della flotta austroungarica nella battaglia di Lissa, von Tegethoff, diede gli ordini in lingua veneta, la lingua della marina imperiale, e si rivolse a Vincenzo Vianello da Pellestrina detto ‘Gratton’, timoniere dell’ammiraglia ‘Ferdinand Max’ e a Tomaso Penso da Chioggia, con la celeberrima frase ‘… daghe dosso, Nino, che la ciapemo!’, speronando e affondando così l’ammiraglia ‘Re d’Italia’. La ‘Renaixença’ catalana si sviluppa proprio quando il Veneto viene annesso al Regno Sabaudo, quando inizia per il nostro popolo una vicenda che presenta aspetti drammatici, ad iniziare dalla diaspora, con milioni di veneti costretti ad emigrare e la nostra terra devastata da due guerre mondiali, e, non da ultimo, con il tremendo profugato di Istro Veneti e Dalmati, costretti, nel silenzio complice dello stato italiano, ad abbandonare le loro case”. “Non è detto – prosegue l’assessore – che Alicia Giménes-Bartlet, al pari della maggioranza degli italiani, conosca la storia veneta, una storia che non è insegnata nemmeno nelle nostre scuole, perché bisognerebbe dire la verità e cioè che lo stato italiano, nato attorno ai sogni egemonici e tutt’altro che democratici dei Savoia, non ha alle spalle una storia così lunga e densa come quella di Venezia”. “La Repubblica di Venezia – conclude Ciambetti –, invece, questa storia ce l’ha, così come ha una splendida bandiera e una bellissima lingua. Una storia, che si respira nelle nostre città d’arte, nel lavoro della nostra gente, nello spirito di accoglienza e solidarietà. Anche noi Veneti possiamo dire ‘Semo ‘na Nasion’ al pari dei catalani, e assieme ai catalani ripetere nelle lingue regionali d’Europa ‘Som una Nació, nosaltres decidim’, per una Europa dei popoli e delle nazioni”

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio sul Col Melon a Pedavena

Pedavena, 28 febbraio 2020  -  Dalle 18:30, i vigili del fuoco sono impegnati in località Belvedere sul Col Melon a Pedavena per un incendio...

Recuperato sciatore su Padon

Rocca Pietore (BL), 28 - 02 - 20  -  Poco prima delle 16 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Val...

Scossa di terremoto 2.7 a Chies d’Alpago

Alpago, 28 febbraio 2020 - Una scossa di terremoto di magnitudo ML 2.7 è stata registrata oggi pomeriggio alle ore 18:07:32 a 2 km...

Coronavirus. Incontro in Prefettura tra istituzioni, categorie e sindacati

Belluno, 28 febbraio 2020  -  In data odierna le Organizzazioni sindacali provinciali della Cgil, Cisl e Uil hanno partecipato all’incontro convocato in Prefettura con...
Share