13.9 C
Belluno
lunedì, Luglio 13, 2020
Home Cronaca/Politica Drugs on street: questa notte il sottosegretario Giovanardi accompagnerà la pattuglia della...

Drugs on street: questa notte il sottosegretario Giovanardi accompagnerà la pattuglia della Polizia Locale. Sei anni fa fece solenni promesse di interessarsi per la cessione della caserma Fantuzzi, che giace come allora

Quarta uscita, quella di questa sera (sabato 7 agosto), per la Polizia Locale di Belluno, nell’ambito del progetto Drugs on street, per i controlli rispetto all’abuso di droghe da parte di chi guida un veicolo. Stanotte ad accompagnare la Polizia locala saranno una pattuglia di Carabinieri, un’unità mobile della Croce Rossa, con un medico e un infermiere del Sert di Auronzo. Ospite d’eccezione sarà il sottosegretario del Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri, Carlo Giovanardi,  promotore del progetto, volto a ridurre e contrastare il fenomeno della guida sotto effetto di alcol e sostanze stupefacenti, causa di incidenti e morti sulle strade. Belluno è tra i Comuni che hanno aderito al Progetto Quadro NNIDAC e che hanno attivato il Protocollo ”Drugs On Street”, integrandolo anche con propri progetti ed interventi già esistenti (“Strada facendo”). Questa prima rete nazionale di Comuni sarà ulteriormente incrementata nei prossimi anni e resa stabile utilizzando risorse provenienti dal Fondo per la prevenzione dell’Incidentalità notturna. Le visite di Giovanardi non sono nuove a Belluno. Era l’8 giugno del 2004 quando l’onorevole, all’epoca ministro per i rapporti con il Parlamento, intervenne in Sala De Luca per presentare i candidati della lista Udc. In quell’occasione Giovanardi presentò come cosa fatta la cessione della caserma Fantuzzi. Riportiamo quanto ebbe a dire: «Il via libera all’apertura del tavolo della discussione tra il demanio ed i rappresentanti delle amministrazioni locali, è stato formalizzato dal generale ispettore capo Vittorio Colucci, su incarico del ministro della Difesa Antonio Martino, con  nota del 27 maggio 2004 a me indirizzata nella quale si legge: “ In relazione all’interessamento prospettatomi dalla S.V. assicuro la mia disponibilità per una riunione con l’Amministrazione comunale di Belluno al fine di esaminare le problematiche connesse all’uso e/o alle dismissioni degli immobili militari ubicati nel territorio”». L’onorevole Giovanardi, insomma, sei anni fa fece solenni promesse di convocare le parti immediatamente dopo le elezioni, assicurando il suo costante interessamento. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il nostro benvenuto al sottosegretario Giovanardi.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giochi in musica. Quattro lezioni dedicate ai bambini con la Filarmonica di Belluno

La scuola di musica della Filarmonica di Belluno, da sempre attenta alle esigenze formative in ambito musicale dei più piccoli, propone una serie di...

Interventi di soccorso

Belluno, 12 - 07 - 20 Alle 10.20 circa il Soccorso alpino di Pieve di Cadore è stato inviato dalla Centrale del 118, in...

Zecche. Scaggiante: “Negli ultimi 10 anni 700 casi di borreliosi nel Bellunese”. I consigli della Ulss 1 Belluno Dolomiti

L’Ospedale San Martino di Belluno è centro di riferimento per le patologie trasmesse da zecche. Renzo Scaggiante, direttore di Malattie infettive, dà qualche consiglio...

Apertura Pian Longhi. Bortoluzzi e Vendraminit: «Grande opportunità di rilancio; il Nevegal è importante per tutta la provincia»

«Il Nevegal ha enormi potenzialità turistiche e il riavvio della struttura di Pian Longhi rappresenta una grande opportunità per il rilancio del Colle. Auguriamo...
Share