Monday, 9 December 2019 - 02:25
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Cortina inCroda porta i film di montagna al cinema

Lug 21st, 2010 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Proiettare i film di montagna al cinema come avviene nella sale di tutta Europa. Era questo l’intento dell’Associazione Cortina inCroda che martedì sera ha proposto al cinema Eden due pellicole premiate al Trento Film Festival. Ottimo il riscontro da  parte del pubblico che numeroso è arrivato al cinema per godersi lo spettacolo. A luglio al cinema di Cortina non erano mai stati venduti tanti biglietti. Martedì sera 200 biglietti venduti. Ha aperto la serata il presidente di Cortina inCroda, lo Scoiattolo Mario Lacedelli. «Per noi», ha detto, «la proiezione di film di montagna al cinema è stata una sfida che vendendo la sala dell’Eden piena possiamo dire di aver vinto. Il nostro obiettivo era quello di portare i film di montagna al cinema, quindi inserirli nella programmazione cinematografica per proporre a Cortina delle proiezioni che in tutto il resto d’Europa sono inserite nei cinema». Adrenalinico e mozzafiato il primo film: “Alone on the wall” di Peter Mortimer e Nick Rosen – USA. Alex Honnold è uno dei più forti e versatili climber americani dell’ultima generazione. Il film segue il giovane Alex in un’impresa che lo iscrive di diritto nell’albo dei grandi: la salita in free, solo, ovvero senza corda, di una delle più imponenti formazioni rocciose del Nord America. Partendo dal deserto d’arenaria dello Utah, le immagini accompagnano fino alla base della parete nord-ovest dell’Half Dome, un colosso granitico di 2700 metri nello Yosemite National Park, dove il 23enne Alex, con perseveranza e grande tecnica, corona il suo sogno e fa salire ad un nuovo livello l’arrampicata su roccia. Il film ha ottenuto il premio Club Alpino Italiano – Miglior film di alpinismo o montagna inglese con sottotitoli italiani a cura del festival di Trento.
La seconda pellicola proiettata ha portato il pubblico in un mondo lontano spesso inesplorato. “Himalaya, le chemin du ciel” di Marianne Chaud – Francia. Ambientato nell’arido e maestoso paesaggio delle montagne innevate dello Zanskar, la valle situata a 4000 metri d’altitudine in India, il film racconta la storia dei monaci bambini, ed in particolare di Kenrap, un bimbo di otto anni che da quando ne aveva cinque è stato riconosciuto come la reincarnazione di un anziano monaco. Nelle stanze del monastero di Phukthal, a partire dalla toilette mattutina con l’acqua a -20°, durante il corso di filosofia, mentre lava i piatti o gioca con gli amici, fino ai pochi giorni di vacanza che trascorre in famiglia, la regista lo segue, parla con lui, si fa raccontare la sua vita. Si delinea così il ritratto di un bambino giocoso e felice, ma allo stesso tempo convinto di essere un vecchio saggio. Un’importante testimonianza sulla vita quotidiana dei monaci buddisti. Il film ha ottenuto il Gran Premio “Città di Trento”  Genziana d’Oro al TrentoFilmfestival.Cortina inCroda torna venerdì 23 luglio alle 21 all’Alexander Girardi. In sala ci sarà Mauro Corona l’opinionista della prima edizione della kermesse. La serata intitolata “ARMONIE  e immagini verticali” sarà dedicata alla musica e al cinema.
La Symphonia del maestro Delio Cassetta, accompagnerà al pianoforte il compositore cortinese Davide Donazzolo, che per Cortina inCroda ha scritto la sigla “Armonie verticali”. In sala anche Mirko Melanko, saggista di cinema specializzato in film italiani. La serata sarà ad ingresso gratuito. Dal teatro Alexander Girardi sarà trasmessa in diretta sulle frequenze di Radio Cortina e in streaming sul sito radiocortina.it. Il pubblico in sala e da casa potrà interagire con gli ospiti scrivendo un sms al 347 7791400 o una mail a info@cortinaincroda.org. Domande, curiosità, chiarimenti verranno letti in diretta dal direttore artistico Andrea Gris e rivolte agli ospiti.

Share
Tags:

Comments are closed.