Sunday, 16 December 2018 - 13:11

“Oltre le vette 2010”: è Simone Favero il nuovo curatore

Lug 6th, 2010 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

“Oltre le vette si farà. E sarà una edizione con lo sguardo diretto nel futuro”. Lo ha detto il sindaco di Belluno Antonio Prade a margine della nomina di , di anni 27, a curatore della più importante rassegna di montagna della Città di Belluno. Dopo l’abbandono di Flavio Faoro, che ha scelto di lasciare la manifestazione dopo averla curata per 13 anni, il Comune di Belluno ha infatti deciso di puntare su un giovane. La scelta è caduta su , ventisettenne bellunese, già organizzatore di rassegne sulla montagna – “Eremi Verticali” a Ponte nelle Alpi – ed esperto conoscitore dell’ambiente culturale che ruota attorno al mondo alpinistico e dintorni. “Un baldo giovane di belle speranze” lo ha definito Antonio Prade, “un giovane che sono certo non deluderà i molti che sono in attesa di questa nuova edizione di Oltre le vette”. Alla base di questa nuova collaborazione sta una idea condivisa, il “taglio” che dovrà caratterizzare la rassegna del 2010: nessuna autoflagellazione per le poche risorse a disposizione ma farne un motivo per scegliere meglio, per innovare, per scoprire nuovi temi, per usare altri linguaggi. Ai tanti appassionati della montagna e frequentatori di “Oltre le vette”, la nostra Città proporrà attività nuove e diversificate, pur mantenendo un collegamento con l’impronta storica della rassegna con alcuni degli appuntamenti ormai divenuti tradizionali. “Oltre le vette” presenterà dunque gli annuali incontri di divulgazione scientifica, ai quali saranno tuttavia affiancate attività e iniziative più legate al mondo dell’alpinismo e dell’arrampicata. Non mancheranno le serate con alpinisti di fama mondiale e gli incontri pomeridiani per guardare alla montagna da una diversa angolazione. In più, qualche sorpresa. E’ ancora troppo presto per svelare il programma, che è però quasi definito nella testa degli organizzatori. “Quello che posso dire – ha chiosato ancora il Sindaco Prade – è che la qualità della rassegna resterà altissima, con i piedi ben saldi nel passato ma lo sguardo rivolto al futuro. In fondo, tutti i giorni ci confrontiamo continuamente con nuove metafore, con uomini e luoghi della montagna che non conoscevamo. Ecco, andremo alla scoperta di questi nuovi mondi, per una delle rassegne più importanti dell’intero arco alpino”.

Share
Tags: ,

Comments are closed.