13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 30, 2020
Home Cronaca/Politica Dubai apre le porte allo spumante veneto senz'alcol

Dubai apre le porte allo spumante veneto senz’alcol

Il Dubai brinda all’agroalimentare veneto con “Isabella Ice”, bevanda spumante senz’alcol ottenuta dall’uva Glera, ideata, brevettata e realizzata da un’impresa agricola della sinistra Piavea. Il nuovo prodotto ha infatti trovato aperta la porta nei ricchi mercati degli Emirati Arabi, come riconosce, con parole misurate ma significative, il comunicato ufficiale emesso in Dubai dopo la presentazione: “questa nuova formula del bere sarà ora proposta al mercato e sarà capace di attirare l’attenzione non solo da personalità di alto livello nel campo della politica e del mondo economico, ma anche culturali, dello sport, della moda, e contribuirà inoltre alla campagna contro l’alcol nel Dubai e negli Emirati Arabi Uniti. Il lancio di questo prodotto sarà inoltre un contributo per tutti i mondi islamici”. A degustare e salutare l’importante traguardo è stato, lunedì sera al “Golf Dubai Creek & Yacht Club”, lo stesso Sheik Rashid Al Sahad, cugino dell’emiro regnante del Dubai Mohammed bin Rashid Al Maktoum. L’evento è stato organizzato da IGGP General Trading (L.L.C.) Dubai, società che punta a diffondere negli Emirati il concetto di eccellenza nel Food & Beverage senz’alcol realizzati in Italia e rappresentata per l’occasione dall’amministratore delegato Carlo Kaiser. “Qualcuno avrà pure storto il naso sentendo di una bevanda senz’alcol ricavata dall’uva – ha commentato l’assessore all’agricoltura del Veneto Franco Manzato – ma abbiamo aperto la strada verso un mercato ricco e nuovo, che ama la qualità dei prodotti e della vita, occupando uno spazio che prima o poi avrebbero occupato altri che magari non vantano la nostra tradizione nella coltivazione della vite. L’agricoltura è anche un valore economico e questo traguardo consente alle nostre aziende di avere più reddito: ed è questo l’obiettivo che guida l’azione della Regione”. Arrivare sul mercato del Dubai non è stato facile: anche all’ultimo momento i doganieri dell’Emirato hanno strabuzzato gli occhi nel vedere arrivare tutte quelle bottiglie di “spumante” dal Veneto. E non hanno esitato a bloccare la merce, nonostante la documentazione comprovasse che non c’era alcol. C’è voluto l’intervento di uno sceicco per “liberare” il carico e farlo arrivare al Golf Club.
Il successo ha salutato tanta tenacia, e numerose imprese che hanno rapporti commerciali con gli Emirati hanno già inviato ordini di “Isabella Ice” per accompagnare le loro discussioni d’affari. Dal canto suo, l’ideatrice e realizzatrice dell’impresa, Isabella Spagnolo, un’azienda in quel di Mareno di Piave, ha affrontato questa sfida con impegno ma anche tanta tranquillità e serenità: “Sono entrata nel mondo arabo perchè sono una viaggiatrice da sempre. Il prodotto è piaciuto, la sua immagine anche e – afferma soddisfatta – è stato bevuto e comprato. Io non sono neanche andata: ero in bici con la famiglia in una mitica trattoria. Perchè la vita è semplice. E bella nella sua semplicità”.

Nella foto: Carlo Kaiser di fronte a Sheik Rashid Al Sahad e Isabella Ice

Share
- Advertisment -

Popolari

Zaia anticipa il governo e allenta la morsa. Mascherine solo al chiuso. Ecco la nuova ordinanza in vigore da lunedì 1° giugno

Con ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020, in vigore da lunedì 1° giugno, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha modificato...

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...
Share