Friday, 20 September 2019 - 13:54
direttore responsabile Roberto De Nart

Parte “Strada facendo” del Comune di Belluno, dove c’è la scimmietta si beve il cocktail analcolico Summer breeze

Giu 17th, 2010 | By | Category: Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

E’ stato presentato oggi (giovedì 17 giugno) “Strada facendo”, il progetto finanziato dalla Regione Veneto, che coinvolgerà locali e sagre del Comune di Belluno durante tutta l’estate per promuovere il consumo di bevande analcoliche. Domani (venerdì 18), nel corso della seconda serata della sagra di San Giovanni, meglio conosciuta come Campanot, a Castion, saranno presenti gli operatori specializzati di Portaperta, coadiuvati dal Fuori Posto del Ser.t, per la prima uscita ufficiale di “Strada facendo”. Due gli ambiti dove insisterà il progetto, che ha come mascotte Belù, “la scimmia che non fa la scimmia”: locali e sagre. Venti esercenti del Comune di Belluno offriranno un cocktail, diverso ogni mese al prezzo convenzionato di 3 euro. Le bevande sono state scelte durante un corso gestito da Ascom formazione per creare cocktail analcolici di qualità nel mese di maggio. Nelle feste fuoriporta, invece, a chi si impegnerà fin da inizio serata a non bere, prima di andare a casa sarà fatto l’alcol test e, se manterrà la promessa fatta, riceverà un buono premio in regalo. Da domani sera, Belù sbarcherà a Castion e inizierà il suo tour estivo, mentre nei locali aderenti al progetto, dove appare la scimmietta, si può già assaggiare il cocktail “Summer breeze” con banana, succo alla pesca, latte, miele d’acacia e frutto della passione a 3 euro. «Il Comune di Belluno sul tema della consapevolezza dei rischi legati all’abuso dell’alcol sta facendo la sua parte, investendo risorse nelle politiche giovanili» ha detto il sindaco, Antonio Prade. «Si tratta di dare un messaggio positivo e cercare di far diventare l’analcolico di moda – ha aggiunto l’assessore competente, Marco Da Rin Zanco -. Siamo consci che questa strada sarà lunga ma siamo convinti che solo facendo, qualcosa cambierà nella cultura dei giovani bellunesi».

Share
Tags:

Comments are closed.