Sunday, 15 September 2019 - 22:44
direttore responsabile Roberto De Nart

La provocazione

Giu 5th, 2010 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina

Oramai l’avevamo dimenticata, anche perché da Belluno è invisibile, come chi l’ha collocata. A ricordarcelo sono i Radicali Belluno e il Comitato Libero Serva, che confermano l’appuntamento per domenica 6 giugno alle ore 10.00 sulla Croda del Sal al Monte Serva “per piegare (con la i, non con la r) la croce con la sola forza del pensiero.- si legge in una nota –  “Il sarcasmo è l’ultima arma che ci rimane, non tanto per chiedere ancora che quella croce venga tolta da coloro che l’hanno posizionata, quanto per suscitare un po’ di interesse nella gente per la laicità, fondamento della democrazia, che ogni giorno viene calpestata, e di interesse attivo per la trasparenza negli atti pubblici, visto che ad oggi, nonostante ripetute richieste con telefonate, mail, richieste di visura e interrogazioni in consiglio, non abbiamo ancora la certezza che ci siano tutte le carte in regola per quella costruzione, né sappiamo ancora chi ha pagato l’elicottero della forestale per istallare quella croce”. Si conferma dunque l’appuntamento per “l’esperimento cosmico paranormale” per la mattinata di domenica prossima in compagnia dei piloti di parapendio che ci proteggeranno dal cielo, auspicando che ci sia più partecipazione possibile, una passeggiata laica, un ombra e una fetta di soppressa in compagnia sopra la città, un modo non-violento per chiedere il rispetto della democrazia in ogni sua forma”.
Giovanni Patriarca

Share
Tags:

2 comments
Leave a comment »

  1. E’ invisibile la croce, sono invisibili gli autori, sono invisibili i bellunesi che protestano, a Belluno è invisibile la laicità. A Belluno è invisibile tutto ciò che non è routine quotidiana…
    Oggi eravamo in tre: io, Aldo e Simone. Ho bevuto un ombra con un pilota di parapendio che arrivava dalla cima del Serva, poi ne ho bevuta una con il pastore slavo e poi con Aldo e Simone.
    Evidentemente quella croce non dà fastidio a nessuno, quindi forse è superfluo sapere se ci sono le autorizzazioni, i permessi ambientali, chi la eretta e chi ha pagato l’elicottero della forestale che la portata fin là.
    Forse è giusto che i bellunesi abbiamo la loro croce di Dozulè impiantata sul Serva.

  2. correggo: l’ha non la