13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 9, 2020
Home Cronaca/Politica La protesta del pubblico impiego, scuola, università e ricerca. Corteo a Roma...

La protesta del pubblico impiego, scuola, università e ricerca. Corteo a Roma il 12 giugno

I provvedimenti annunciati dal governo nella manovra economica hanno provocato una diffusa protesta anche nella nostra regione. La CGIL sostiene la giusta mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici e si oppone ad una manovra iniqua. Dopo gli annunci e le smentite dei giorni scorsi, finalmente il governo ha gettato la maschera e presenta una manovra economica da 24 miliardi per il biennio.
La manovra deve essere cambiata perché:
1) Colpisce il salario, blocca il contratto nazionale e la contrattazione integrativa,
Attraverso il blocco del rinnovo del contratto 2010/2013 e delle retribuzioni complessive, “che non possono superare quelle del 2009”, prevedendo anche che “Gli incrementi stipendiali già intervenuti coi contratti collettivi del biennio 2008-2009 dovranno essere ridotti alla misura del 3,2%”.
Questo significa:
– che si bloccano per quattro anni i rinnovi dei contratti già scaduti lo scorso dicembre
(questo comporta un danno permanente e progressivo di qualche migliaio di euro sul
piano salariale, con conseguenze anche sul piano previdenziale).
– che saranno ridotte le risorse per la contrattazione integrativa.
– che hanno previsto anche il blocco della contrattazione integrativa dal 2009, con
conseguenti tagli alla produttività ed il blocco delle progressioni economiche!!
2) Blocca le assunzioni, licenzia i precari e taglia ancora sui servizi, con il blocco del turn over fino al 2015 (significa 90 mila assunzioni in meno) e il licenziamento
dei precari (sono a rischio almeno 45 mila posti di lavoro), che pregiudicano pesantemente la funzionalità dei servizi e la loro stessa sopravvivenza !!
con tagli di circa 5,5 miliardi di euro per gli enti locali e di almeno 4,2 miliardi per le regioni, che avranno ripercussioni sui servizi alla persona, a partire dalla sanità, l’assistenza e il sistema previdenziale!!
3) Interviene ancora sulle pensioni e colpisce le donne, con la riduzione delle finestre, l’accelerazione dell’aumento dell’età pensionabile per le lavoratrici pubbliche, attraverso interventi sulle liquidazioni del pubblico Impiego!!
– Per le donne si accelera l’età pensionabile ai 65 anni.
– Le liquidazioni saranno congelate al valore maturato al 31 dicembre 2010 e saranno
saldate in tre anni, anziché in un’unica soluzione alla cessazione del rapporto di lavoro.
4) Attenta alla salute e alla sicurezza dei lavoratori, esonerando le Amministrazioni Pubbliche dall’obbligo di rispettare la normativa sulla sicurezza!!
Infine, il governo attacca i diritti del lavoro, prevedendo la cancellazione dello Statuto dei lavoratori!

- Advertisment -

Popolari

Incendio al tetto di un’abitazione a Villabruna

Feltre, 9 aprile 2020 - Alle ore 6 di questa mattina, i vigili del fuoco sono intervenuti in località Villabruna in via Ronche a...

Coronavirus, vecchie procedure per nuova emergenza. La denuncia del presidente dei consulenti del lavoro Innocenzo Megale

“Per l’Italia contro le inefficienze del sistema”: questo il titolo della mozione approvata la scorsa settimana dagli stati generali dei consulenti del lavoro in...

Mamma e figlia positive al coronavirus sorprese fuori Comune dai carabinieri forestali

E' un caso che farà molto discutere quello successo ieri, martedì 7 aprile, nella frazione di Polpet a Ponte nelle Alpi. Dove i carabinieri...

Contributi alla collettività dai 4 Quartieri, Palio di Feltre e Sbandieratori

In questo periodo di incertezza e di tanti dubbi sul futuro sanitario ed economico di noi tutti, il mondo del Palio di Feltre fa...