13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 9, 2020
Home Cronaca/Politica Rifiuti, siamo al caos normativo

Rifiuti, siamo al caos normativo

Maurizio Ranon direttore Appia
Maurizio Ranon direttore Appia

Il 2010 sarà ricordato come l’anno del caos normativo in tema di gestione dei rifiuti. Ad  affermarlo  é il  direttore  dell’APPIA,  Maurizio Ranon che precisa: “ si sperava che, ottenuta la proroga per la presentazione del Modello Unico di Dichiarazione dei rifiuti prodotti e smaltiti nel 2009 e in attesa dell’auspicato rinvio al 2011 dell’operatività del nuovo sistema di tracciabilità  dei rifiuti (SISTRI) ci potesse essere un periodo di respiro per le imprese anche per poter assimilare le nuove ed onerose procedure.”
Ma l’illusione é durata poco continua Ranon, considerato che il 4 maggio é stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto, da anni annunciato ma sempre rinviato, che stabilisce le modalità per la gestione dei RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) che devono adottare i distributori, gli installatori e i gestori dei centri di assistenza tecnica. Questi soggetti saranno obbligati, per vendere un nuovo prodotto, a ritirare gratuitamente quello vecchio, ad iscriversi all’Albo Nazionale Gestori Ambientali e a compilare una serie di documenti quali lo schedario di carico e scarico, il documento di trasporto dei RAEE e la dichiarazione che indica dove é stato effettuato il ritiro. Una procedura costosa che si configura come norma speciale rispetto alla normale gestione dei rifiuti e che rende di fatto inutile per la gran parte di questi operatori l’iscrizione al SISTRI effettuate entro il 29 aprile quindi ben prima della pubblicazione in Gazzetta delle nuove disposizioni sui RAEE. Una diversa tempistica avrebbe almeno evitato costi aggiuntivi non giustificati.L’obbligo di ritiro uno contro uno scatterà dal 18 giugno; entro tale data l’APPIA ha previsto una serie di incontri che si terranno a Pieve di Cadore, Belluno e Feltre per spiegare le novità normative e gestionali.

- Advertisment -

Popolari

#iorestoacasa ma supporto le attività locali. Un sito per le consegne a domicilio in Provincia di Belluno

Lo scopo del sito consegneadomiciliobelluno.it si spiega già dal nome: un luogo dove raccogliere gratuitamente tutte le attività che consegnano a domicilio in provincia...

Piccole imprese artigiane. De Carlo concorda con Confartigianato: “Concedere loro di riaprire è l’unica possibilità per non farle morire”

“Fermo restando la priorità di tutelare la salute di tutti e di adeguarsi alla normativa anti Covid-19, non si può non ascoltare l’appello accorato...

Comparto moda in ginocchio. Zampieri: “Protraendosi l’emergenza, il calo può arrivare anche a -50%”

Questa crisi è planetaria e, dopo quella petrolifera del 1973, sta mettendo in ginocchio l’intero sistema economico, sul fronte della domanda e dell’offerta, ed...

Confronto Stato – Comuni. Massaro: «5 miliardi al più presto ai comuni italiani. Senza fondi, chiudiamo i servizi»

Il presidente nazionale di Anci, Antonio Decaro, e dell'Unione Province Italiane, Michele de Pascale, hanno abbandonato ieri la Conferenza unificata convocata dal Ministro per...