Tuesday, 22 October 2019 - 23:14
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Consultabili i nomi di 208 bellunesi deportati nei campi di prigionia in Germania, Austria e Polonia grazie alla ricerca del veronese Roberto Zamboni

Mag 1st, 2010 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Gli speciali di Bellunopress, Prima Pagina
Roberto Zamboni

Roberto Zamboni

Ci sono 208 bellunesi deportati durante la Seconda guerra mondiale e morti nei campi di prigionia i cui resti sono sepolti in Germania, Austria e Polonia. I loro nomi si possono leggere al link: http://www.webalice.it/roberto2381/BELLUNO.pdf
A rivelarlo è Roberto Zamboni, tesserato dell’Associazione Nazionale Ex Deportati (Sezione di Verona) in rappresentanza di un suo congiunto, deportato e morto nel campo di concentramento di Flossenbürg a soli 22 anni. Signor Zamboni, come è riuscito a trovare i nomi dei deportati bellunesi? «Da molto tempo mi occupo della ricerca dei luoghi di sepoltura dei nostri connazionali, morti nei campi di prigionia o per motivi di guerra in Germania, Austria e Polonia. Dopo l’8 settembre 1943 più di 800.000 italiani (civili e militari) furono fatti prigionieri e deportati nei campi di concentramento tedeschi dislocati nei territori del Terzo Reich. Un gran numero di questi vi trovò la morte dopo atroci sofferenze, solo ed esclusivamente a causa del loro pensiero, della loro religione o per la divisa che indossavano. Al termine della guerra, migliaia d’italiani che non sopravvissero alle vessazioni inferte, furono sepolti sul suolo tedesco, austriaco e polacco. Nell’immediato dopoguerra, a causa delle enormi difficoltà di comunicazione e di ricerca, la maggior parte di questi ragazzi furono dati per dispersi. Nel 1951 il Governo italiano ratificò una legge (204/51), che, con il secondo comma dell’articolo 4, vietava il rimpatrio delle salme sepolte nei cimiteri militari italiani all’estero dal Ministero della Difesa (Commissariato Generale Caduti in Guerra – Onorcaduti). Nel biennio 1957/1958 lo stesso Commissariato iniziò la ricerca dei caduti sepolti nei territori sopraccitati, riesumandoli e trasferendone i Resti nei cimiteri militari di Amburgo, Berlino, Francoforte sul Meno, Monaco di Baviera (Germania), Mauthausen (Austria) e Bielany-Varsavia (Polonia). In questi cimiteri furono raccolte le Spoglie mortali di migliaia italiani, caduti per cause di guerra. Molti dei parenti di questi ragazzi non furono mai informati del lavoro svolto da Onorcaduti, rimanendo in attesa di chi non sarebbe mai più tornato. Una decina di anni fa, dopo una capillare ricerca, rintracciai il luogo di sepoltura del mio congiunto e, dopo aver fatto modificare la legge 204/51, ne feci rimpatriare i Resti. Avendo raccolto negli anni una grande quantità di materiale riguardante anche altri caduti sepolti nei cimiteri militari (e non), decisi di ricercarne i parenti, fornendo loro indicazioni sul luogo di sepoltura del loro caro e indicando quali uffici contattare, presso il Ministero della Difesa, per poterne riavere i Resti. Per senso civico, per dovere d’informazione e perché nessun altro lo faceva, dedicai (e dedico tuttora) gran parte del mio tempo a questo tipo di ricerche, che ho avuto cura di riportare integralmente nel sito http://www.robertozamboni.com.
In questi anni, autonomamente o con l’ausilio dell’Arma dei Carabinieri, sono riuscito a rintracciare i parenti di una quarantina di caduti, parte dei quali hanno fatto rientrare in Italia le Spoglie dei loro cari. Recentemente ho ottenuto dal Ministero della Difesa l’elenco di tutti i caduti sepolti in Germania, Austria e Polonia. Una lista di oltre 15.000 caduti italiani, contenente i dati di base (cognome, nome, provincia e data di nascita, data di morte e cimitero di attuale sepoltura). A questi dati sto aggiungendo, da altre liste in mio possesso, ulteriori elementi sulla deportazione o sull’internamento, sulla morte e sulla prima sepoltura (lager, matricola, spostamenti, date e cause della morte, luogo di prima inumazione ecc.). I caduti sepolti in questi cimiteri sono prevalentemente internati militari (IMI), ma risultano sepolti anche deportati politici o razziali e liberi lavoratori (o loro familiari) che si trovavano negli ex territori del Terzo Reich durante il periodo bellico. Oltre 15.000 italiani, tra uomini, donne, ragazzi e bambini (nove di questi risultano essere nati nel 1945). Come riscontro a questa lista ho acquisito dall’Archivio Segreto Vaticano – Ufficio Informazioni Vaticano per i prigionieri di guerra, copia delle schede di ricerca degli italiani per i quali si richiesero notizie negli anni che vanno dal 1939 al 1945. Oltre 2.100.000 schede con riportati i dati di altrettanti nostri connazionali fatti prigionieri e dei quali si erano perse le tracce. Da mesi sto lavorando su questi elenchi al fine di pubblicare tutto il materiale da me raccolto sul mio blog, avendo cura di inserire i nominativi per provincia di nascita.
Dei 15.292 nomi archiviati, 211 appartengono a persone nate nella provincia di Belluno (al sito “Dimenticati di Stato” http://www.robertozamboni.com)».

Share
Tags:

22 comments
Leave a comment »

  1. buon giorno.i miei nonni eranno prigionieri nei lager.Credo in Polonia.si sono conosciuti li.Lei dalla Bielorussia lui Moldova.Conosco molto poco di loro.mia nonna racontava che gli prelevavano il sangue per i tedeschi feriti in guerra.e mio nonno invecce era sotto inchiesta nel lager(credo)perche uscito molto piu tardi dopo la liberazione.mi piacerebbe molto sapere la vera storia.esiste una lista dei prigionieri?dove posso cercarla?grazie

  2. Buongiorno, sono alla ricerca di notizie riguardanti mio nonno Rossi Sabato internato nel campo di prigionieri di guerra Kriegsgefangenenlager con n 50443. Ha possibilità di reperire notizie? la ringrazio soprattutto del prezioso lavoro che sta facendo al fine di dare qualche notizia a chi per tutti questi anni non ne ha mai avute.

  3. Gradirei rintracciare dei soldati che erano in guerra del 43-44 a Gallignana(ISTRIA) con mio zio Erriu Giovannino.Luie stato disperso a Gallignana Istria in seguito a cattura da parte dei partigiani Slavi.Mio zio si chiamava Erriu Giovannino ed era Carabiniere, Nato a Silius Provincia Cagliari,il (01/07/0905–La sua Matricola era 452.Sè qualcuno a delle notizie di mio zio,mi faccia sapere,vogliammo sapere dove e sepolto evi ringrazio di cuore.Francesco

  4. salve mi chiamo Bronzato Mauro, sto facendo delle ricerche su mio padre Bronzato Antonio nato in Agordo Belluno 1 giugno 1915 è stato internato l’otto settembre 1943 dalla Iugoslavia ho rintracciato una sua cartolina postale “kriegsgefangenenlager” il suo N° di prigionia 101976, altre informazioni della cartolina “arbetits-kommando-Nr 107” altre scritte (lager-bezeichnung: m-stammlager VI G Bon a.Rhein.
    Ho voluto fare una ricerca alla sua memoria, visto che lui non ha mai parlato di quel brutto periodo, ma mi sembra giusto che i miei figli sappiano la sofferenza di queste persone.
    ringrazio fin d’ora Bronzato Mauro

  5. Anche mio padre Paparella Alberto nato a Fratta Polesine (RO) il 14.3.1915 è stato nel lager di Bezeichnung con numero di prigioniero M 8331 iA. Questi dati li ho rilevati da una lettera che aveva scritto alla mamma in data 25.6.44. In questi giorni mi sono interessata e sto cercando di fare memoria di quegli anni. Quando era in vita mi parlava e diceva di essere stato prigioniero in Iugoslavia, in Germania e poi in Russia. Vorrei sapere dove rivolgermi per avere informazioni certe. Visto che ci sono vorrei anche informarmi su mio nonno. Un saluto da Paparella Giulietta

  6. Buona sera, sono una delle figlie di un prigioniero di guerra “Maugeri Michele N°16049 Lager Bezeichmung M. Stammlager VI D dorthund (westialen) Alberts kommando N° 1148 DEUFSCHLAND (Germania) dal 1942 al 1945 vorrei sapere se ci sono notizie di commilitoni e di vari momenti di detenzione dei prigionieri, e dei posti in merito(Lager-Bezeichmung) e vari.
    la ringrazio anticipatamente Maugeri Maria via B.Bartolomeo N°2 Breganze.

  7. Anche io cerco notizie di mio nonno deportato in quel lager si chiamava Pedroni Ottorino se qualquno ha qualche foto o notizia vi prego di contattarmi.ho ricevuto una sua lettera ora dopo oltre 60 anni grazie

  8. Gentilissimo, io desiderei sapere per ultimare mie ricerche su un mio zio fortunato reduce dalla Russia, in QUALE CAMPO DI PRIGIONIA E’ STATO. Come posso fare? Trattasi di RONDINELLI VINCENZO nato a Tursi 24-9-1918, preso prigioniero il 18.Novembre 1942 a Kantemirowka e tornato dalla prigionia il 12-novembre 1945. Lui ora è morto da 5 anni. Grazie se potesse aiutarmi. Saluti

  9. Spett.le redazione in questi ultimi mesi sto facendo ricerche su mio nonno materno internato lello stammlager XVIIIA a WOLFSBERG in austria e vorrei sapere se esiste un elenco di prigionieri e dove hanno lavorato mio nonno è stato catturato nel 43 in yugoslavia e liberato nel 45 si chiamava DRIGO ENRICO .In un foglio c’era scritto lavori 20 mesi a krieclac (mursurlac).Stessa sorte per il nonno di mia moglie fu catturato anche lui si chiamava BIANCO PIETRO
    Nella speranza di una risposta colgo l’occasione per porgere distinti saluti

  10. Sono figlio di un prigioniero di guerra che era stato internato in un campo di concentramento in germania. Sulle lettere che scriveva all’epoca è riportato: LAGER BEZEICHNUNG stammlager XI B CAMPO 6076 matricola 183617
    Un’altra cartolina riporta il timbro: lager muhlemberg Hannover 20-10-44.
    Vorrei sapere cortesemente dove si trova il LAGER BEZEICHNUNG che presumo sia un altro rispetto al lager muhlemberg.
    Le sarei grato se potesse darmi qualche indicazione.
    Saluti G.Sibau

  11. MIO PADRE CATALANO ENRICO NATO NEL 1924 è STATO INTERNATO PRESSO IL LAGER BEZEICHNUNG
    N. PRIGIONIERO 139065 DAL 9.9.43 AL 5.4.45 STO RICERCANDO UN PO’ DI NOTIZIE VORREI SAPERE DOVE SI TROVA QUESTO POSTO E DOVE POSSO RICERCARE ALTRE NOTIZIE
    GRAZIE PINO CATALANO

  12. Cerco tre persone (o loro parenti) Freguglia Antonio , Pardigno Giaccomo e Orlandini Feruccio. Tutti tre sono stati priggioneri in Germania nei tempi di seconda guerra mondiale. Se qual’cuno mi può aiutare la ringrazio infinitamente!

  13. PROGETTO “TRENO DELLA MEMORIA”
    http://www.piemontesenzamemoria.net

    studenti e ex partigiani insieme:

    chi ama i giovani e la cultura come voi
    …credo collaborerà alla petizione!

    VI PREGO, LEGGETE IL LINK INFORMATIVO, PER FAVORE FIRMATE L’APPELLO… DIVULGATE…..

    http://www.piemontesenzamemoria.net

    Con il “treno della memoria” (iniziativa nata a Torino nel 2005), giovani studenti ed ex partigiani hanno effettuato insieme un viaggio nella storia… presso alcuni campi di concentramento nazisti. Sono la zia di una ragazza che ha vissuto questa toccante esperienza. Certamente non è stata una una “gita scolastica” con serate in discoteca, bensì un evento formativo che ha lasciato un’impronta nel cuore e nell’intelligenza di ciascuno.

    La serietà di questo progetto è anche garantita da chi lo sostiene: don Ciotti con il Gruppo Abele, Libera, Terradelfuoco, Associazioni di Volontariato, Professori Universitari delle facoltà di Storia, Filosofia… Scrittori… (come si può evincere dal sito) e da molte Istituti Scolastici di Torino.

    ad es. Firma 5044: il Consiglio d’Istituto del Liceo Copernico di Torino aderisce all’unanimità
    Aprendo il sito wwwpiemontesenzamemoria.it e cliccando “firmo anche io”, si possono leggere tutti i commenti dei firmatari

    Attualmente il Dott. Cota intende tagliare questo progetto e se ciò accadrà, sarà precluso agli studenti piemontesi.
    I giovani che promuovono questa iniziativa, consapevoli delle difficoltà finanziarie della Regione, stanno lavorando per autofinanziarsi parzialmente. Ad es. il 5 dicembre ci sarà una cena presso Italy per raccogliere fondi. Per la buona volontà e la concretezza con cui aderiscono a veri ideali…, credo meritino un appoggio da parte di noi adulti.
    Si può inviare anche solo 1 euro, ma almeno firmare… non costa nulla ed è un bel segno!
    http://www.piemontesenzamemoria.net

  14. Cerco notizie rigurdanti mio nonno Peterle Vincenzo nato a belluno nel 1923 ,soldato in Grecia,successivamente catturato nel ’43 dai tedeschi e internato in Germania nei campi di concentramento per prigionieri di guerra. liberato nel 45 e rimpatriato in Italia dagli alleati.Vorrei sapere se è possibile risalire al nome del campo di prigionia tedesco.
    Nella speranza di una risposta colgo l’occasione per porgere distinti saluti.
    Grazie Andrea

  15. Anche mio nonno,Renato Boi,si trovava nel lager di Bezeichnung XI B,qualcuno ha fotografie o documenti?

  16. Salve,cerco notizie su mio nonno Mancini Giuseppe nato a Nocera Umbra il 27 Dicembre 1910,prigioniero nel lager-Bezeichnung M.Stammalager VI Dortemund numero da prigioniero 52109,purtroppo sulla sua lettera non si riesce più a leggere il numero del commando.Anni indietro abbiamo fatto delle ricerche senza risultato,il Ministero della Difesa ci ha comunicato che è deceduto nell’Aprile del 1944 senza dirci la sepoltura,ma la sua ultima lettera spedita dal lager-Bezeichnung dove diceva di stare bene, è datata 6 agosto 1944.Le speranze di poter almeno portare un fiore sulla sua tomba non sono mai andate perse,mio padre che ha 75 anni e lo ricorda appena ne sarebbe propio felice.Sperando che mi possa essere d’aiuto aspetto una sua risposta,qualunque sia la risposta la ringrazio comunque di averci dato con il suo impegno ancora speranza.

  17. Vorrei avere notizie, se possibile, di mio zio Renga Remo, internato nel lager Bezeichnung M.-Stammlager
    I B Hohenstein (Ostpr.) N° del prigioniero I B 24467.
    Sono in possesso di una sua lettera datata 1-5-1944, pertanto fino a quella data era in vita.
    Erano insieme, lui e suo fratello (mio padre), in un ospedale che fu bombardato, mio padre riuscì a scappare, e da allora non ebbe più notizie.
    Spero che si riesca a sapere qualcosa per comunicarlo all’ unica sorella rimasta in vita.
    Grazie e saluti.

  18. Anche mio nonno Stefano Martellotta nato a Fasano il 10-11-1915 è stato prigioniero nel lager bezeichnung…….sapete dirmi dove si trova questo posto?? il numero prigioniero di mio nonno era 202965………anche mio nonno come tanti altri è morto giovane affetto da tante malattie causate dalla prigionia……purtroppo non l’ho mai conosciuto….anche lui come molti mangiava per sfamarsi le bucce di patate trovate nella pattumiera…..grazie mille a chi saprà darci informazioni utili…..

  19. Mio padre, Rizzo Angelo, nato a Venezia 1916, gefangenennummer 157776, KDO 6222, stammlager XIB Fallingbostel, settembre 1943/aprile1945 : quelcuno a fotografie, documenti ?? grazie mille a chi sapra
    darmi informazioni….

  20. sono la figlia di bertuol isidoro classe 1923 fatto prigioniero il 09/09/1943in grecia deportato in germania nel lager-bezeichnung M.STAMMLAGER III D liberato dai russi il 22/05/1945 .vorrei qualche informazione e sapere in che zona della germania si trova questo lager ringrazio ha chi mi puo dare informazioni

  21. Salve mio papà Ragazzi Vincenzo detto (Stefan) nato a Mesola Fe il 24/08/1922 era in STAMMLAGER XI-B n° prigioniero 154770 arbeitskommando 6132 , potreste dirmi se era a Fallimbostel esattamente e quale carica lavorativa era il n° 6132 ? grazie mille Clementina Ragazzi

  22. Buongiorno, sono la nipote del soldato Campolmi Gino nato a Firenze il 21 Agosto del 1922 e Morto a Vienna il 7 ottobre 1944 era prigioniero nel campo Lager -Bezeichnung con il n. 139569. Vorrei sapere che mansioni aveva nel campo dove era ubicato e se possibile in che circostanze è morto. So già dove è stato sepolto – nel cimitero di Guerra internazionale vicino Mauthausen.
    Grazie tanto
    Giovanna Guerra