Monday, 10 December 2018 - 17:23

La Polizia provinciale cattura il pastore maremmano di Santa Giustina. Ora l’animale cerca una famiglia

Apr 29th, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Aveva girato per mesi e mesi nella zona di Santa Giustina, rischiando più volte di rimanere uccisa attraversando la trafficata strada che taglia la località di Meano. Finalmente ieri gli uomini della Polizia provinciale di Belluno sono riusciti a mettere in salvo il . Decine e decine di segnalazioni, negli ultimi mesi, erano giunte al Comando della Polizia provinciale per informare che un randagio di grossa taglia, un pastore maremmano bianco di oltre quaranta chili, si aggirava sulla statale n° 50, rischiando di essere investito e di causare incidenti agli automobilisti di passaggio. La Polizia aveva quindi deciso di intervenire per risolvere il problema: il primo tentativo era stato fatto dall’Ulss 1, sempre in collaborazione con le Forze dell’Ordine di Palazzo Piloni, piazzando delle gabbie con apposite esche per attirare l’animale. Fallito questo tentativo, dopo alcuni appostamenti nei luoghi dove era stato avvistato l’esemplare di pastore, la Polizia provinciale ha scelto di procedere con la cattura per mezzo di innocui anestetici. Ieri il lieto fine, con l’animale recuperato e messo in salvo dalla Squadra di Cattura della Polizia bellunese. Ora il cane verrà sottoposto a tutte le cure mediche del caso presso il canile provinciale, dove potrà essere adottato da una nuova famiglia.

Share
Tags:

One comment
Leave a comment »

  1. sono anche io fra quelli che hanno chiamato gli organi preposti, affinchè provvedessero alla cattura del cane bianco. Io l’ho fotografato, ma sempre da lontano, non si faceva mai avvicinare e quando una macchina rallentava, si allontanava immediatamente ancora di più. Sono felice che sia stato preso e spero che possa trovare una adozione, da troppi mesi (ma secondo me addirittura 2-3 anni) lo si vedeva girare solo e magro, anche con il freddo invernale. Un grazie alla Polizia provinciale.

    Graziella