Monday, 20 August 2018 - 11:34

Terza giornata di gare oggi all’Olimpico di Cortina d’Ampezzo: Canada e Scozia imbattuti, l’Italia scivola

Apr 5th, 2010 | By | Category: Eventi, sport, tempo libero, Prima Pagina

L’Italia sperava nel colpaccio con il Canada, sogno svanito. Il Giappone fanalino di coda, conferme per Norvegia e Danimarca. Domani ancora spettacolo, Italia contro Norvegia e Svizzera. Giornata da dimenticare quella di oggi lunedì 5 aprile per l’Italia del curling al Campionato Mondiale Maschile – Capital One World Men’s Curling Championship, oggi a Cortina. Due partite giocate e due sconfitte per il team capitanato dal trentino Joël Retornaz, che esce dallo Stadio Olimpico di Cortina comunque a testa alta, seppur con qualche rammarico. Tutto è cominciato ad ore 8.00 quando Retornaz e i suoi, oggi alla terza giornata di gare, sono scesi sul ghiaccio contro la Svezia della famiglia Carlsén – con i fratelli Nils ed Eric e l’esperto zio Per a fare da skip – ancora a zero vittorie in classifica. La partita è stata tiratissima fino al decimo end, che si è chiuso sul punteggio di 6-6. Serviva allora l’extra end e l’Italia giocava col vantaggio dell’ultima stone tra le mani. Tuttavia, un paio di errori di troppo da parte dei due Zanotelli facevano acquisire fiducia agli svedesi e l’ultima stone di Retornaz non riusciva a raddrizzare una gara che si concludeva sul 7-6 per gli scandinavi. Solo il tempo di rifiatare e gli azzurri ritornavano in campo, stavolta contro la corazzata canadese di Kevin Koe, ancora imbattuta nel torneo. Memore dell’impresa di Torino 2006, quando nei Round Robin – come oggi – Retornaz ebbe la meglio sul Canada, lo skip azzurro era più che mai deciso a ripetersi. Tuttavia al team Italia stavolta non è riuscito il bis di quattro anni fa, e il Canada aveva la meglio per 7-5 dopo una gara combattuta fino all’ultima stone. Decisivo il break di 2-0 al quinto end in favore della nazionale della foglia d’acero, che l’Italia non è riuscita a pareggiare fino alla fine. Dopo i turni odierni e con cinque match disputati complessivamente, l’Italia siede ora al quinto posto della classifica provvisoria insieme alla Cina. Sul ghiaccio di Cortina questa mattina si sono giocate altre tre partite oltre ad Italia-Svezia. La Norvegia di Torger Nergaard ha avuto gioco facile contro il Giappone, fanalino di coda del torneo. Gli scandinavi al settimo end erano in vantaggio 6-3 e non hanno poi avuto difficoltà a gestire il risultato fino al 7-4 finale. Sullo sheet B la Scozia di Warwick Smith si è liberata con facilità della Cina, e ha chiuso la “pratica” con il punteggio di 8-3. Andreas Kapp e la sua Germania sono scesi in campo decisi a spazzar via la Francia di Thomas Dufour. E così è stato. Il 4-0 nel terzo end ha tramortito i transalpini, che hanno “tenuto botta” fino al settimo, ma che alla fine hanno subito il finale di 9-6 per i tedeschi.
Nel pomeriggio erano in campo anche Germania-Svizzera, Stati Uniti-Giappone e Cina-Danimarca. Nella prima il tutto si è sbrogliato al decimo end con un colpo di carambola dello skip svizzero Stefan Karnusian, bravo a portarsi “in casa” due stones che, dopo tre end senza punti per nessuno, portavano i suoi alla vittoria per 4-3. Stati Uniti-Giappone è stata una partita pressoché senza storia, con il team americano che lasciava a zero gli avversari fino al sesto end, per poi chiudere il conto all’ottavo sul 6-1. Il quarto game di questo settimo turno era Cina-Danimarca. All’intervallo il parziale segnava 5-2 per la squadra di Ulrik Schmidt, che alla fine si è messa in tasca la vittoria col punteggio di 8-4. Ieri sera si è disputato anche il quinto turno. La Scozia ha dovuto faticare non poco contro la Francia. Parziale di 3-2 dopo i primi sei end per la squadra di Thomas Dufour, ma nel settimo la Scozia allungava con un 5-0 mozzafiato. La Francia recuperava poi tre lunghezze, ma nell’ultima mano Warwick Smith non falliva il colpo di grazia e fissava il risultato finale sull’8-6 Scozia. Il derby tra Norvegia e Svezia è stato un susseguirsi di break e contro-break nei primi tre end. Dopo l’intervallo la Norvegia ha cambiato marcia, e ha chiuso sul 7-4. Canada-Svizzera è stata una partita equilibrata fino a tre quarti gara, quando Koe e compagni hanno deciso che si era fatto tardi ed era tempo di andare tutti a nanna. Cinque punti nell’ottavo e nono end fissavano il punteggio finale sul 9-5 Canada. Infine la Danimarca, grazie ad un ultimo tiro millimetrico da parte di Johnny Frederiksen, ha battuto gli Stati Uniti per 9-7. La classifica aggiornata al settimo draw vede ancora in testa Scozia e Canada con 4 vinte-0 perse. Seguono Danimarca e Norvegia (3v-1p), Germania (3v-2p) e Stati Uniti (2v-2p). A pari merito in quinta posizione ci sono Italia e Cina (2v-3p), seguite dal terzetto Francia, Svezia e Svizzera (1v-3p). Ancora nessuna vittoria per il Giappone (0v-5p). Stasera alle 18,00 sul ghiaccio dell’Olimpico si giocano Canada-Svezia, Svizzera-Francia, Stati Uniti-Norvegia e Danimarca-Scozia. L’Italia torna in campo domani contro la Norvegia alle 15,00 e contro la Svizzera alle 20,00. Info: www.wmcc2010.it

Share
Tags:

Comments are closed.