Sunday, 20 October 2019 - 19:25
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Assoluti di sci alpino, una grande passerella per Falcade

Mar 30th, 2010 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero
Renzo Minella

Renzo Minella

I Campionati italiani “assoluti” di sci alpino, ospitati sulle piste della ski area Passo San Pellegrino-Falcade sono stati ormai archiviati e la manifestazione ha registrato un ottimo successo organizzativo e, ancora di più, la ricaduta mediatica e di attenzione generale sull’evento è stata molto significativa. «L’aver coniugato l’aspetto prettamente agonistico con una serie di qualificanti iniziative collaterali, lunghe una settimana, tra le quali la “Rassegna nazionale dei formaggi di montagna” e le performance ai fornelli dei cuochi di “Alto Gusto”, ha premiato i grandi sforzi degli organizzatori», ha voluto evidenziare Renzo Minella, presidente di Dolomiti Turismo. «Dal lato tecnico i tracciati predisposti hanno soddisfatto appieno le esigenze tecniche, grazie anche al grandissimo lavoro svolto dagli addetti e dai volontari per rendere fruibili i tracciati, in particolare quello della gara di slalom maschile di sabato. In quell’occasione la pista ha dovuto a lungo essere trattata affinchè la neve mantenesse la compattezza necessaria e, alla fine, tutti sono rimasti soddisfatti. Fare competizioni di questa levatura a fine marzo comporta grande lavoro ed un rischio di fallimento altissimo perché le condizioni ambientali non aiutano di certo. Da parte nostra questo aspetto lo abbiamo già evidenziato al presidente della Fisi, Giovanni Morzenti». «È stato da tutti riconosciuto il fatto che mai in passato gli “assoluti” di sci alpino hanno avuto una completezza di eventi che hanno tenuto alto l’interesse sull’evento agonistico e portato ricadute positive per il territorio, in termini di immagine. Anche perché lo sforzo nostro si è voluto proprio concentrare sull’aspetto mediatico e promozionale dal quale ora ci aspettiamo porti benefici a medio termine. E, ciò, dimostra come la nostra Provincia abbia tutta una serie di eccellenze sulle quali potere puntare per fare sempre bella figura; realtà che spesso non osiamo abbastanza utilizzare per sostenere la promozione del territorio. Un esempio: il formaggio “Piave”; dopo i grandi apprezzamenti avuti alle Olimpiadi di Vancouver, quale formaggio ufficiale della spedizione azzurra, ha dovuto trovare un cultore valdostano, come il presidente di “Caseus Montanus”, Gerardo Beneyton, che ne esaltasse le qualità… in casa, creandogli la giusta e qualificata “vetrina” in un contesto di grande prestigio», ha continuato Minella.
«Da questa manifestazione ne esce, una volta di più, la conferma che il nostro territorio provinciale è pronto per ospitare qualsiasi tipo di evento sportivo e che, se questo è ben curato e gestito, può portare riscontri straordinari a livello economico e turistico. Ed è questa una delle strade che Dolomiti Turismo dovrà sempre più sviluppare». «Mi spiace solo dover evidenziare che alla massiccia presenza di ospiti illustri, giornalisti, amministratori e rappresentanti del Ministero, imprenditori che si sono alternati a Falcade nella settimana di eventi sportivi, enogastronomici e mediatici abbia brillato, soprattutto alle premiazioni di giornata, l’assenza dei vertici della Fisi bellunese e, soprattutto, di quella veneta eccezione fatta per la cena nella serata d’apertura. Il presidente nazionale Morzenti ed il vice presidente Ghilardi, nelle loro fugaci apparizioni, ci hanno fatto i complimenti. Ma più attenzione l’aspettavano gli appassionati organizzatori vicentini dello Sci Club 2000, soprattutto da parte di chi li rappresenta a livello territoriale», ha concluso Minella.

Share
Tags:

Comments are closed.