Sunday, 21 July 2019 - 19:35

I conti non tornano! Intervento di Sergio Reolon, candidato del Pd, sul passaggio a Veneto Strade della via che porta in Val Visdende

Mar 23rd, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

“Il 22 marzo deve probabilmente rivestire qualche fascino speciale per : nel quinquennale della sua firma a Palazzo Piloni per l’autonomia bellunese, peraltro mai mantenuta, due giorni fa il quasi ex presidente della Regione Veneto ha deciso di tornare sul luogo del delitto per portare una lieta novella – afferma , candidato del Pd – Agli abitanti del Comelico racconta infatti il suo personale amore per la Val Visdende, esibendosi in una nuova firma: quella per il passaggio a della gestione della strada che porta, appunto, in Val Visdende e a forcella Dignas”. Lunedì mattina, infatti, è stato firmato ufficialmente il documento di passaggio alla presenza dei sindaci Buzzo e Pontil Scala. “Fin qui tutto bene, non fosse che per la tentazione al siparietto di vero illusionismo che sembra prendere Galan ogni volta che sale in Valbelluna. Parlando appunto di , il presidente dice: “I soldi che la Regione destina alla provincia di Belluno sono uguali a quelli riservati, per esempio, alla provincia di Padova”. Se uno si ferma alla cifra, nuda e cruda, la teoria sta anche in piedi. Peccato che, una volta contestualizzato il tutto, la realtà sia ben diversa: la percentuale di estensione della rete stradale gestita da nel Bellunese è pari, infatti, al 29.5%. Per quanto riguarda la provincia di Padova, invece, siamo al 10.5%. Se la matematica – conclude – non è un’opinione, dunque, la provincia di Belluno ha avuto la metà di quello che le spettava. Mentre Padova ha avuto una volta e mezzo quello che le spettava. Questo dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, come Galan e i suoi accompagnatori, De Bona e Bond, considerino la nostra provincia. Per di più, vantandosene”.

Share
Tags: , ,

Comments are closed.