13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 15, 2020
Home Cronaca/Politica Il rifornimento al distributore lo incastra. Un uono deferito alle autorità per...

Il rifornimento al distributore lo incastra. Un uono deferito alle autorità per il furto di una borsetta

Lo scorso lunedì 22 febbraio, personale del Posto di Polizia Ferroviaria di Calalzo, riceveva una denuncia da una signora alla quale, poco prima, nell’area del supermercato Lild di Calalzo, era stata rubata la borsetta contenente circa 90  euro, documenti vari, carta bancomat e tessera postepay. La donna, che peraltro non sapeva indicare con precisione le modalità del furto, prima di formalizzare la denuncia provvedeva a bloccare il bancomat e il postepay, rendendosi conto, in quella circostanza, che dal differenziale contabile e quello disponibile le erano stati prelevati 50 euro con il “postepay”.
Il personale del Posto Polfer, nei giorni successivi, a seguito di indagini, appurava che il prelievo di 50 euro era stato effettuato presso un “pos esercenti” di un distributore di carburante di quella zona; con gli estremi della transazione, si risaliva immediatamente e con certezza il pagamento del rifornimento effettuato in quella giornata da P.R., bellunese di anni 58. Il personale Polfer, oltre alle dichiarazioni del gestore, al fine di attestare le prove, acquisiva il relativo scontrino di pagamento attestante, il giorno, l’orario e il numero della tessera rubata. Altresì, venivano raccolte le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza del distributore ritraenti l’uomo e la vettura al momento del rifornimento.
P.R. è stato deferito alla locale A.G. per il reato di furto aggravato e per il conseguente indebito utilizzo della tessera postepay.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giovedì in piazza. Il presidio di Fratelli d’Italia si sposta in via Mezzaterra

“Per dare continuità a quanto fatto la scorsa settimana e su esplicita richiesta di alcuni cittadini residenti nella zona, anche questo giovedì (16 luglio)...

Presentato in Provincia il calendario venatorio 2020. Saranno uccise femmine e piccoli di cervo

È stato presentato questa mattina, a Palazzo Piloni, il nuovo calendario venatorio, approvato dall'amministrazione provinciale. Si tratta del principale strumento della gestione autonoma della...

La finanza che affronta la crisi: i fondi di investimento nel 2020

Se da un lato la crisi finanziaria dovuto al crollo della Borsa nel Marzo 2020 sembra ormai pronta a diventare solo un nuovo capitolo...

Valorizzazione delle falesie del Nevegal. Marco Bogo: «Collaborazione con associazioni e Cai per il recupero sportivo e ambientale»

Valorizzare le falesie già conosciute e recuperare ambientalmente e sportivamente quelle meno note, con la collaborazione delle associazioni e dei comuni del comprensorio del...
Share