Sunday, 17 November 2019 - 07:21
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sgominata un’attiva e sedicente organizzazione specializzata nelle truffe: Un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere e tre provvedimenti di obbligo di dimora nei confronti di altrettanti indagati

Gen 28th, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Guardia di Finanza e Carabinieri di hanno assicurato alla Giustizia i componenti di un sodalizio criminale che, titolari di un’impresa bellunese operante nel commercio di mobili, la CIEFFE GROUP S.r.l., si sono resi responsabili di numerose truffe in danno di ignari cittadini. I Finanzieri della Compagnia di ed i Carabinieri della Stazione di Ponte nelle Alpi, al termine di un’articolata indagine, hanno accertato come l’organizzazione, utilizzando i dati personali di una trentina di persone, carpiti illecitamente ed in violazione della privacy, abbia richiesto ad un noto intermediario finanziario – specializzato nel credito al consumo – numerosi finanziamenti fittiziamente destinati all’acquisto di mobili. All’insaputa dei cittadini coinvolti, infatti, a fronte delle pratiche di finanziamento create ad hoc (mediante la falsificazione di documenti personali, contraffazione di firme, emissione di falsi documenti di vendita e falsi statini paga o cedole pensione) l’istituto finanziario erogava i prestiti che tuttavia finivano sui conti della CIEFFE GROUP S.r.l.. Di contro, l’istituto chiedeva la restituzione rateale agli ignari “clienti-debitori”. Le indagini, avviate circa un anno e mezzo fa a seguito della ricezione di alcune denunce, sono state condotte, con il coordinamento della Procura della Repubblica di , sulla base della documentazione acquisita a seguito di numerose perquisizioni presso la sede dell’azienda coinvolta, presso ditte clienti e fornitori di questa, nonché attraverso indagini bancarie presso alcuni istituti di credito e presso l’istituto finanziario che, suo malgrado, è rimasto coinvolto nel meccanismo truffaldino ideato dall’associazione criminale. L’importo dei finanziamenti indebitamente ottenuto a danno dei vari “clienti” è di circa 60.000 euro, ma è da segnalare che, prima dell’intervento dei Carabinieri e della Guardia di Finanza bellunesi, gli indagati avevano predisposto la richiesta di finanziamenti a “favore” di un numero più consistente di “clienti” (per un importo di oltre centomila euro):l’intervento tempestivo delle Forze dell’Ordine ha impedito che gli intenti criminosi avessero più gravi conseguenze. A carico delle persone le cui identità sono state”rubate” e sfruttate per i fini criminosi, oltre alle richieste di pagamento delle rate derivanti da un finanziamento mai richiesto, e quindi oggetto di contestazione, vi è stata un’ulteriore “spiacevole” conseguenza, ossia l’iscrizione nelle liste dei “cattivi pagatori”, cui attingono normalmente banche e finanziarie allorquando ricevono richieste di mutui o finanziamenti personali. I quattro soggetti fermati – F.M., 52 anni, residente a Cecina (LI), B.Q., 45 anni, residente a Saviano (NA), L.G., 33 anni, residente a Ponte nelle Alpi (BL), A.G., 42 anni, residente a Saviano (NA), in qualità di amministratori di diritto e di fatto della CIEFFE GROUP S.r.l., sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, alla falsità materiale commessa dal privato ed alla sostituzione di persona. Un quinto soggetto è stato denunciato per aver concorso con i predetti in una ulteriore truffa perpetrata fuori regione. Ai componenti dell’organizzazione è stata contestata anche la bancarotta fraudolenta aggravata in conseguenza della dichiarazione di fallimento della CIEFFE GROUP S.r.l.: dalla disamina della contabilità, infatti, le Fiamme Gialle hanno riscontrato la distrazione di beni aziendali nonché alterazioni di bilancio. Proseguono gli accertamenti della Compagnia della Guardia di Finanza di finalizzati alla quantificazione e successiva tassazione dei proventi delle illecite attività.

Share
Tags:

Comments are closed.