13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 26, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Cortina: mostra di antichi strumenti musicali

Cortina: mostra di antichi strumenti musicali

Dal 30 gennaio, presso i locali del palazzo storico dell’ex Municipio di Cortina d’Ampezzo, una importante mostra espone antichi oggetti sonori costruiti tra il X e il XVIII secolo, strumenti preziosi perché depositari di antichi mestieri e storici repertori musicali. Suddivisa in tre sezioni, ordinate secondo la tipologia prevalente degli strumenti raggruppati in ordine di età, la mostra  presenta oggetti a tastiera, a corde e a insufflazione naturale, in particolare flauti e strumenti ad ancia. Alle tre sezioni così articolate fanno da corollario alcuni esemplari di strumenti a percussione d’epoca medievale e rinascimentale. Anticamente lo strumento sonoro non costituisce soltanto un oggetto finalizzato all’esecuzione musicale ma rappresenta anche un importante elemento d’arredo, un simbolo d’appartenenza  culturale o sociale per coloro che ne dispongono. Retrocedendo nel tempo sino all’età medievale, si constata inoltre che spesso lo strumento musicale è direttamente a contatto con il corpo umano: appoggiato alle ginocchia – così era per l’organo, nella sua accezione di organo portatile e per il salterio, progenitore degli strumenti cordofoni da tasto; imbracciato ad altezza del petto – l’arpa e gli strumenti congeneri; imboccato per permetterne l’alimentazione tramite il soffio e sorretto dalle braccia – i tubi sonori in generale; ancorato ai fianchi o a tracolla – la symfonia e tamburo. In tutti questi casi lo strumento musicale risulta parte integrante di chi lo utilizza e gli dà vita nei contesti religiosi e sociali cui partecipa animandoli. Spesso l’uso dello strumento sottolineava il canto eseguito dal medesimo sonatore, come prevedeva l’antica prassi del cantare e suonare insieme, ampiamente attestata in ambito iconografico e letterario. Con il passaggio dal Medioevo al Rinascimento, conformemente all’evoluzione della scrittura, della pratica e delle aspettative musicali, e con la progressiva estensione degli strumenti tramite nuove ricerche e conquiste in ambito costruttivo, questi si ampliano, si rinforzano, talora si appesantiscono, guadagnando in sonorità e possibilità tecniche offerte all’esecutore, ed emancipandosi, in particolare nel caso degli strumenti da tasto, dal sostegno umano. È il caso del clavicembalo e dell’organo, che diventeranno oggetti a se stanti, spesso veri e propri pezzi d’arredamento riccamente decorati sia all’interno che all’esterno. L’esposizione di strumenti da tasto e con tastiera, indicativamente compresi fra il Mille e l’inizio del XVII secolo, consente di valutarne in concreto il processo evolutivo, sia all’interno del medesimo tipo costruttivo – ad esempio l’organo – sia nel rapporto di filiazione o parentela fra più esemplari differenti – è il caso di organistrum e ghironda. La comparazione, resa possibile dalla compresenza degli oggetti nella medesima sede, consente inoltre di valutare i casi più complessi di derivazione e di affinità, come avviene per quegli strumenti che inglobano in sé più d’un principio costruttivo e d’un mezzo di produzione del suono, ad esempio la corda e il tasto, o che prevedevano più tecniche esecutive: è questo il caso del pizzico e dell’arco. L’allestimento, a cura della Dott.ssa Elena Modena e del Prof. Ilario Gregoletto, rientra nel progetto Luoghi dello Spirito e dell’Arte ideato dal Centro Studi Claviere di Vittorio Veneto, con il patrocinio e il contributo della Regione del Veneto e del Comune di Cortina d’Ampezzo.
Orario: tutti i giorni escluso il lunedì, dalle 14.00 alle 19.30.
Visite guidate a cura di Stefania Zardini Lacedelli, anche per gruppi e scolaresche.
Info: Centro Studi Claviere: 0438/57614 – 340/2122409 – claviere@alice.it
Stefania Zardini Lacedelli: 333/1651542 – steffyzl@libero.it

Share
- Advertisment -

Popolari

Giustizia di prossimità, un ufficio Uepe a Belluno. Addamiano: ”Costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale...

“E’ ufficiale, sono stati costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale esterna (Uepe). Vi sono inoltre...

Mondiali sci Cortina. De Menech: “Comprensibile il rinvio al 2022”

Belluno, 25 maggio 2020  «Era tutto pronto, dal punto di vista organizzativo e sportivo, ma la decisione del Coni e della Fisi di spostare di...

Appena uscito dal carcere ruba un’auto e due bici. Arrestato dalla Volante e incarcerato in un’ora

E' durata poco la libertà a B.A.S. tunisino 50enne con precedenti penali, che appena scarcerato dalla Casa circondariale di Baldenich ha ripreso immediatamente il...

Perarolo di Cadore. Conclusa l’istruttoria del Pat, domani l’approvazione in Provincia

Sarà portato in consiglio provinciale domani (martedì 26 maggio) il Pat del Comune di Perarolo. Un Piano di Assetto del Territorio che punta soprattutto...
Share