Thursday, 14 November 2019 - 17:00
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Macro progetto sull’integrazione dei giovani: chiesto un contributo di 270.000 euro

Gen 19th, 2010 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Al fine di rendere sempre più efficace l’integrazione tra giovani bellunesi e giovani stranieri presenti sul territorio, l’Amministrazione comunale di ha presentato nei giorni scorsi un progetto sperimentale dal valore di 270.000 euro. “ – spiega l’assessore Marco Da Rin Zanco – è una città che non vive il fenomeno dell’immigrazione nella stessa misura di altre città venete, ma proprio per questo dobbiamo essere attenti a cogliere gli anche minimi sintomi di disagio che emergono, così come è apparso nella cronaca di questi giorni. Abbiamo infatti l’opportunità, se ci muoviamo per tempo, senza stereotipi e pregiudizi, di costruire qui a una città modello in cui il rapporto tra le diverse nazionalità non è subito bensì governato, nel solco della cultura della tradizione dell’accoglienza tipica di noi veneti”. “Al Ministero degli Interni e all’Unione europea abbiamo chiesto – prosegue Da Rin – un finanziamento per un progetto strategico dal valore di quasi 300.000 euro, contenente diverse attività che riteniamo strategiche per l’integrazione dei giovani e adolescenti.
Tra queste, azioni di tutoring interculturale che ci consentano di coinvolgere ragazzi e giovani stranieri in proposte di doposcuola, affiancando gli operatori italiani; mediatori culturali che si facciano facilitatori dei rapporti tra pari; percorsi di educazione alla legalità e la formazione di insegnanti nelle scuole per specializzarli nella risoluzione dei conflitti interculturali. Senza entrare nel merito delle recenti vicende di cronaca, sulle quali lasciamo alle forze dell’ordine e alla magistratura dare un giudizio, credo sia importante non pensare a Belluno come a una Città di contrasti tra etnie diverse, ma intensificare ulteriormente la nostra attività di promozione di relazioni costruttive tra giovani e adulti, a prescindere dalla loro provenienza”.

Share
Tags:

Comments are closed.