13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 28, 2020
Home Cronaca/Politica 585.989 euro dal Ministero dell'Ambiente per i nuovi autobus a basso impatto...

585.989 euro dal Ministero dell’Ambiente per i nuovi autobus a basso impatto ambientale

L’iniziativa strutturata, che lo scorso anno ha visto impegnati il Comune di Belluno e Dolomiti Bus, assieme ad altri comuni bellunesi (Sedico e Ponte nelle Alpi) per partecipare al “bando di cofinanziamento per la diffusione di azioni finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane ed al potenziamento del trasporto pubblico rivolto ai comuni non rientranti nelle aree metropolitane”, ha portato i suoi frutti. E’ di alcuni giorni infatti la notifica del Ministero dell’Ambiente  e della tutela del territorio e del mare  al Comune di Belluno dell’ottenimento del finanziamento richiesto per l’acquisto di autobus EEV a basso impatto ambientale (Enhanced Environmentally-friendly vehicle). Il progetto, presentato da Dolomiti Bus lo scorso anno in accordo con i comuni interessati, prevedeva l’acquisto di 5 veicoli EEV, destinati al trasporto pubblico locale nelle aree dei comuni di Belluno, Sedico e Ponte nelle Alpi, a fronte di un contributo ministeriale richiesto di euro 800 mila ed una copertura garantita dall’azienda di trasporto bellunese. In realtà, il cofinanziamento riconosciuto è pari a euro 585.989,09 – IVA compresa – inferiore a quanto inizialmente richiesto ma è comunque prezioso per l’acquisto di 4 autobus EEV che andranno a sostituire altrettanti veicoli EURO 0, elevando la qualità del servizio offerto in termini di confort ed impatto ambientale. L’investimento totale previsto di euro 1.215.600 – IVA compresa; Dolomiti Bus garantirà la differenza per un importo di circa 630 mila euro, oltre a curare direttamente la predisposizione del capitolato tecnico ed il bando di gara per l’acquisto dei mezzi. Vale la pena di sottolineare che questo progetto ben si inserisce nel piano pluriennale degli investimenti di Dolomiti Bus, che prevede l’acquisto di almeno 10 autobus ogni anno per il periodo 2009-2013, investimento che la società prevede di effettuare anche in assenza di risorse pubbliche per far fronte alla necessità di diminuire l’età media del parco autobus e per migliorare l’impatto ambientale della propria flotta. Il successo di tale iniziativa è la logica conseguenza dell’accordo di più Comuni che non rientrano in aree metropolitane e della capacità dell’azienda di trasporto bellunese di reperire fondi e contributi sia a livello locale che europeo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Domenica Giornata del sollievo 2020. Il Covid non ferma le cure palliative

In occasione della giornata nazionale del Sollievo, indetta a livello nazionale per il 31 maggio 2020, l’Ulss Dolomiti, diffonde i dati sulle attività delle...

Confcommercio. Soddisfazione per le misure di sostegno delle attività commerciali approvate dal Comune di Feltre

La Consulta Confcommercio della città di Feltre ha appreso con soddisfazione che nell’ultimo Consiglio comunale di maggio sono stati approvati importanti aiuti per le...

Next Generation Ue. Dorfmann: “15 miliardi per lo sviluppo rurale”

Si chiama “Next Generation EU” il pacchetto da 750 miliardi di euro presentato dalla Commissione Europea per sostenere la ripartenza degli Stati membri dopo...

Donne impresa guarda al post covid. Martina Gennari: “Sono le donne a pagare i costi della pandemia”

La conciliazione casa-lavoro è da sempre un tema fondamentale per gli artigiani, che spesso non riescono a distinguere tra vita domestica e vita lavorativa....
Share