13.9 C
Belluno
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home Cronaca/Politica Belluno zona franca: la prima proposta di legge risale al 1996 ed...

Belluno zona franca: la prima proposta di legge risale al 1996 ed è dell’onorevole Paolo Bampo. Quella di Vaccari è solo una riedizione

Il copyright di “Belluno zona franca” per accedere ad incentivi, agevolazioni fiscali e previdenziali, non è del senatore leghista Gianvittore Vaccari, ma dell’onorevole Paolo Bampo. E lui, infatti, l’autore della proposta di legge n.3889 “Istituzione di una zona franca nella Provincia di Belluno” presentata il 16 febbraio 1996 alla Camera dei deputati .  “Apprendo con piacere che esiste attenzione e apprezzamento per la Proposta di legge circa l’istituzione di una zona franca nella nostra provincia – scrive l’onorevole Paolo Bampo in una nota – Peccato che tale favore giunga quale “extrema ratio” in una situazione di necessità di salvare il salvabile. Nel 1996, in qualità di parlamentare, presentai alla Camera dei Deputati, una PDL  similare, che prevedeva la zona franca per l’Ampezzo, il Cadore ed il Comelico (una volta ottenuta quella sarebbe stato molto più semplice estenderla a tutta la Provincia). Il testo venne inviato a tutte le associazioni di categoria, alcune delle quali risposero (anche se molto tiepidamente e scetticamente) ed altre no. Da parte delle amministrazioni pubbliche non ricordo cenni di sostegno. Da parte dei politici (parlamentari e rappresentanti dei partiti “in primis”) totale indifferenza se non addirittura dileggio o ironia. Sicuramente la proposta, essendo frutto di una sola testa era emendabile e migliorabile (ma esistevano tutti i tempi tecnici per migliorarla, in quanto venne ripresentata anche nella successiva legislatura, che durò 5 anni), ma altrettanto sicuramente poteva essere base di partenza per una azione coordinata e forte di tutto il territorio. Forse l’origine “scomoda” (il firmatario proponente) aveva fatto sì che si preferì scegliere di fare nulla e aspettare “che il sedere toccasse l’acqua” Belluno perse quel treno, che ora sta cercando di cogliere con circa 15 anni di ritardo”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ciclone Vaia: raccolti oltre 390mila euro per il Centro coordinamento soccorsi dei Vigili del fuoco di Belluno

Il Fondo di Solidarietà costituito a fine 2018 a favore delle popolazioni venete colpite dal ciclone Vaia da Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil...

Il Consiglio regionale approva le due mozioni Gidoni: Ufficio esecuzione penale esterna a Belluno. Potenziamento del personale all’Ufficio scolastico di Belluno

Venezia 26 mag. 2020 - “Attivare una sede bellunese dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, per evitare ai cittadini e ai dipendenti residenti in provincia...

Rilancio del Nevegal. Fracasso, Pigozzo, Bello e Dal Farra (PD): “Basta rimpalli tra Regione e Comune: assicurare accessibilità ai rifugi con gli impianti già dalle...

Venezia, 26 maggio 2020  "Il rilancio del Nevegal non può più attendere: Regione e Comune di Belluno la smettano di rimpallarsi responsabilità e accampare scuse,...

Belluno. Occupazione suolo pubblico. Via libera a plateatici in piazza Mercato e via Mezzaterra

Più facilità per gli esercizi pubblici di ampliare i propri plateatici nel periodo estivo anche su strade poco trafficate: la Giunta del Comune di...
Share