Friday, 21 February 2020 - 07:53
e-mail: redazione@bellunopress.it – direttore responsabile: Roberto De Nart

Segreteria provinciale del Pd: vince la sindacalista feltrina Lidia Maoret

Nov 30th, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Lidia Maoret 49enne funzionario del Comune di , con lunga esperienza sindacale è il nuovo segretario del Partito democratico bellunese. Sostenuta da due liste con lo stato maggiore al completo del Pd (Guido Trento, Jacopo Massaro, Marco Perale, Denis Dal Soler), la sua affermazione alle urne è stata netta: 537 voti contro i 227 dell’ex assessore provinciale Irma Visalli. Lidia Maoret rappresenta il nuovo volto del Pd bellunese, per il quale si sono fatti da parte i più noti nomi della sinistra provinciale. Il suo programma di dieci pagine è ambizioso e pone come obiettivi i grandi temi come la questione morale, il lavoro, le politiche per la famiglie, scuola e formazione, la tutela dei più deboli, giovani, integrazione, energie rinnovabili, la montagna e l’autonomia. Al suo orizzonte c’è un raggio di sole, con una situazione nazionale che vede il tramonto di Berlusconi che questa volta difficilmente riuscirà a mantenere la fiducia del suo elettorato-azienda. Anche in provincia il Pdl è afflitto dal complesso di inferiorità nei confronti della Lega, alla quale verrà data la prossima presidenza della Regione Veneto. Lidia Maoret ha davanti a sé lo spazio di manovra per recuperare i voti degli assenti e di chi è stanco di una poltica autoreferente di continuo intrallazzo.

Share
Tags: ,

2 comments
Leave a comment »

  1. Gent.le Lidia Maoret ne l giornalino del PD che riceve mio marito ho letto il suo nome e mi sono permessa di scriverle:mia mamma che era di Cesiomaggiore si chiamava Maoret come Lei. Non è un cognome molto comune. Io abito a S. Donà di Piave e sono veneziana e qui non c’è nessuno con questo cognome. Ho letto un pò la sua storia e mi piace molto quello che vi è raccontato. Ho visto la sua immagine che è quella di una persona simpatica e diretta. Chissà forse siamo anche parenti o forse no.
    Mi sono sentita di scriverLe anche così per simpatia. Grazie dell’attenzione
    Adriana (figlia di Fiorentina Maoret)

  2. Carissima, sono una delle tante deluse dalla ns classe politica. Leggo oggi sul gazzettino riguardo all’ennesimo passaggio di Fistarol in altre file: “…Della sua scelta dovrà rendere conto soprattutto agli elettori Pd di Belluno che oggi restano senza un loro rappresentante in parlamento. Decida in coscienza cosa intende fare ora». Le chiedo: “Secondo lei agli elettori del PD di quante cose si dovrebbe rendere conto prima di questa?” Per esempio: che cos’è il pd; cos’ha dimostrato in un anno di legislatura al governo e in questi quasi tre anni di opposizione. C’è da chiedersi perché dal PD non scappiate tutti!!! Io sono nata in una famiglia di sx e se sinistra vuol dire sociale, allora morirò di sx. Ma messi come siamo messi, sarebbe meglio abbandonare le ideologie e raccogliere ciò che è rimasto del ns Paese per cercare di rialzarlo, non crede? E invece…