Friday, 21 February 2020 - 08:25
e-mail: redazione@bellunopress.it – direttore responsabile: Roberto De Nart

Questa mattina al teatro Comunale di Belluno la cerimonia di assegnazione del Premio San Martino 2009 al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – 2^ Zona Delegazione Bellunese e il Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica 118 dell’ULSS n. 1 di Belluno

Nov 11th, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Il premio San Martino 2009, la più alta onorificenza della città, è stato assegnato questa mattina al Teatro Comunale di , dinanzi alle autorità civili e militari. Il sindaco di Antonio Prade ha premiato il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – 2^ Zona Delegazione Bellunese e il Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica 118 dell’ULSS n. 1 di . Questa la motivazione: “Per l’opera di servizio a favore della tutela e dell’incolumità delle persone e per aver creato, attraverso la cultura e la conoscenza della montagna e del territorio provinciale, un corpo di professionisti competenti e sensibili che quotidianamente e generosamente si mette a disposizione di chi si trova in difficoltà”. Il Premio, istituito nel 1972, si propone di additare ogni anno alla pubblica stima chi si sia segnalato con opere concrete nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, delle attività produttive, del lavoro, della scuola, dello sport ed altri, ovvero con iniziative di carattere politico, sociale, assistenziale e filantropico. Il riconoscimento può essere attribuito a persone (ancora in vita) o gruppi o sodalizi che operino nella Città di o essendo nativi di . Così il presidente del Consiglio comunale, Oreste Cugnach, a nome della Conferenza dei Capigruppo, ha motivato il premio di quest’anno: “Si tratta di un riconoscimento unico e collettivo al lavoro di due organismi che, pur pubblici, si avvalgono di operatori volontari e di altissima professionalità. Quest’anno, poi, l’assegnazione riveste particolare significato alla luce della recente tragica scomparsa dell’equipaggio del SUEM: un sacrificio che la città di non può dimenticare”.

Share
Tags:

Comments are closed.