Friday, 23 August 2019 - 19:39
direttore responsabile Roberto De Nart

Primarie Pd: a sostegno della candidatura Franceschini e Causin

Ott 21st, 2009 | By | Category: Lettere Opinioni

Abbiamo deciso, accettando la candidatura nella lista  “Con Debora Serrachiani Semplicemente Democratici per FRANCESCHINI e CAUSIN “ , di metterci la  faccia perché siamo fortemente preoccupati per il clima che si sta  diffondendo in questo paese.
   Un clima  di assuefazione generale che ci  porta ad accettare come normale qualsiasi  comportamento pubblico, qualsiasi tipo di menzogna e qualsiasi demagogia populista.
  Non crediamo però che  eviteremmo questa deriva  confidando solo nelle traversie giudiziarie di Silvio Berlusconi dimenticandoci dei  nostri errori.  Siamo convinti che molte delle responsabilità  di questa situazione, siano anche da imputare ad una classe dirigente del Centro Sinistra incapace di emanciparsi dalle doppiezze e dal populismo di una certa politica da Prima Repubblica.
    Il Partito Democratico ha rappresentato per molti di noi una speranza di nuovi orizzonti  dove praticare con modernità i nostri valori di Solidarietà, Uguaglianza, Sicurezza Sociale.  E’ stata però  una speranza fino ad oggi delusa perché, per sconfiggere il Berlusconismo, abbiamo bisogno di una politica che  richiede un’azione trasparente, un progetto chiaro e una leadership forte.
   Tra i tre pretendenti alla carica di segretario (tutti di  qualità e di capacità), crediamo che Franceschini , sostenuto dalla lista Semplicemente Democratici,  abbia la maggior  determinazione e forza  :
  Per colpire gli interessi costituiti dentro il  partito,
 Per emarginare gli oligarchi,
 Per dedicarsi al radicamento del partito reclutando e promuovendo chi vuole e sa fare politica (una qualità non generazionale).
     Le idee politiche camminano sulle gambe dell’organizzazione e delle persone che sono disposte, almeno per una parte della loro vita, a rischiare e non a fare compromessi. 
    Il nostro impegno, se saremmo eletti negli organismi del Partito Democratico,  sarà rivolto al potenziamento di un codice politico, condiviso si, ma che garantisca 
 1. Democrazia interna e ricambio nella classe dirigente 
2. Un partito  aperto e  non chiuso a pochi intimi    che non hanno nessun interesse a partecipare ad un libero confronto  sulle idee
3. Un partito che sappia ascoltare  gli elettori del territorio senza la paura di affrontare problematiche quali
La Legalità  che deve essere un nostro tema in quanto presupposto di qualsiasi    Solidarietà
 Il merito, anche questo un nostro valore in quanto presupposto di reali pari opportunità, ovvero la traduzione moderna del valore dell’ Uguaglianza
 La Responsabilità  di tutti nell’esercizio delle proprie funzioni, presupposto di una classe Dirigente  che non porti allo sfascio l’Unità del paese. ( Per intenderci “Costi Standard su tutto il territorio nazionale per quanto riguarda la spesa pubblica e chiare individuazioni di  responsabilità laddove i costi standard non  fossero rispettati )
 L’integrazione sociale   presupposto  indispensabile per rispondere  alla pressante richiesta di  Sicurezza   che  molti nostri elettori  ci chiedono ma che lasciamo soli con le paure distillate ad arte dai demagoghi di professione.
 
                    Tatiana Pais Becher
                          
                    Cattaruzza  Alfredo

Share

Comments are closed.