Friday, 23 August 2019 - 20:02
direttore responsabile Roberto De Nart

Regione: un milione e mezzo alla Gis di Cortina per lo stadio del ghiaccio. Individuati i territori riconosciuti con “stato di crisi” 2009

Ott 20th, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Per i lavori di ristrutturazione dello stadio del ghiaccio di Cortina d’Ampezzo, ritenuto dalla Regione struttura che presenta caratteristiche d’eccellenza, la giunta del Veneto contribuisce con un milione e mezzo di euro. Il contributo ha come beneficiaria la società per la Gestione degli Impianti Sportivi di Cortina srl (Gis)  a partecipazione esclusiva del Comune del capoluogo ampezzano.  «Sono lieto che il provvedimento proposto dal collega ai Lavori pubblici Massimo Giorgetti sia stato accolto dalla giunta – sottolinea Oscar De Bona – perché questa struttura sportiva che ricorda le tante glorie olimpiche del ’56 possa continuare ad essere al centro di manifestazioni di alto livello e continuare così nella funzione per cui era stata creata».
 Dal 1984 lo stadio è “in consegna” alla Gis la cui finalità consiste nella gestione e manutenzione degli impianti sportivi comunali, nonché nella promozione ed organizzazione di eventi sportivi per conto del Comune di Cortina.
Ecco i Comuni bellunesi individuati

Con la deliberazione odierna proposta dall’assessore Elena Donazzan, la giunta del Veneto ha stabilito definitivamente i territori colpiti dagli eventi calamitosi eccezionali verificatisi quest’anno nei mesi da gennaio a maggio e il 18 luglio per i quali la Regione aveva dichiarato lo stato di crisi. «A fronte dei gravi danneggiamenti subiti dal patrimonio privato – fa sapere Oscar De Bona – questo provvedimento dispone che i contributi siano concessi in ragione dell’entità dei danni e della spesa sostenuta per  riparare o ricostruire edifici adibiti ad abitazione o ad attività produttive; riparazione o sostituzione di impianti, attrezzature, arredi strettamente necessari all’attività produttiva; riparazione o sostituzione di beni mobili in maniera tale da non essere più utilizzati».   
I Comuni bellunesi individuati sono:
evento 1-8 febbraio: Alleghe, Auronzo, Calalzo, Canale d’Agordo, Cibiana, Colle Santa Lucia, Comelico Superiore, Cortina, Danta, Falcade, Forno di , La Valle Agordina, Livinallongo del Col di Lana, Lorenzago, Lozzo, Perarolo, Pieve di , Quero, Rocca Pietore, San Nicolò Comelico, San Pietro di , San Tomaso Agordino, Sappada, Selva di , Sovramonte, Taibon, Vallada, Vigo, Vodo, Alto e Zoppè;
evento 22 – 24 maggio: Chies d’Alpago, Longarone, Pieve d’Alpago, Tambre e Trichiana;
evento del 18 luglio: Borca, Calalzo, Perarolo, Pieve di Cadore, Selva e Valle di Cadore.

Share
Tags: ,

Comments are closed.