Sunday, 25 August 2019 - 15:22
direttore responsabile Roberto De Nart

Davide Giacalone a Liberal Belluno: “da 15 anni stiamo perdendo competitività e quote di mercato. La giustizia? Un catorcio inguaribile!”

Ott 11th, 2009 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Riflettore

Un successo, come di consueto, la serata di Liberal , il circolo culturale presieduto da Rosalba Schenal, che sabato sera ha portato a Davide Giacalone, 50enne livornese di origini siciliane, autore di una sessantina di libri, collabora con il quotidiano “Libero” e tutte le mattine dà la sveglia agli italiani con una trasmissione radiofonica su Rtl 105.2. L’occasione era la presentazione del suo ultimo libro “Good morning Italia!”, ma Giacalone, in oltre due ore ha toccato tutti i temi caldi del momento, colpendo indifferentemente destra e sinistra. «L’Italia è un Paese addormentato da troppo tempo –  ha detto –  in un immobilismo che ha origine nel 1981-82 con Tangentopoli. Da 15 anni stiamo perdendo competitività e quote di mercato. Benché il potere d’acquisto delle famiglie sia cresciuto fino al II trimestre del 2009». Ma l’uscita dalla crisi economica sarà accompagnata da una  diminuzione del potere d’acquisto per effetto dell’aumento dell’inflazione. E la classe politica non è riuscita a varare le riforme strutturali come l’innalzamento dell’età lavorativa. In queste condizioni, vedremo aumentare la nostra arretratezza! Scudo fiscale: «c’è un aspetto virtuoso perché si portano a tassazione redditi nascosti all’estero che mai sarebbero rientrati. E un aspetto disgustoso. Io, con un reddito medio-alto, pago circa il 60% di tasse, mentre chi ha messo i soldi all’estero ora paga solo il 5%»! Giovani: «Sono sempre più esclusi dal mercato del lavoro». Scuola: «L’università italiana è al 174mo posto. Centinaia di cattedre sono occupate da chi in tutta la vita ha solo copiato un paio di libri». Professioni: «Se cerco un albergo vado in internet e controllo quante stelle ha. Ma se mi devo operare no so quanti morti ha fatto chi mi squarta». Giustizia: «Un catorcio inguaribile! Quella italiana è la peggiore in Europa, 183ma al mondo! Nel Collegio di Roma ci sono tanti avvocati quanti nell’intera Francia! Nella magistratura c’è un decadimento progressivo della qualità». Corte costituzionale: «Vive nella incostituzionalità! Perché la Costituzione stabilisce che il suo presidente rimane in carica 3 anni. Mentre l’incarico viene dato a rotazione al più anziano per spingere in alto la pensione e perché possa poi fregiarsi del titolo di emerito presidente della Corte». Politica e società: «Giolitti diceva che una Commissione parlamentare non si nega a nessuno. Oggi l’apertura del tavolo delle trattative non si nega a nessuno. E così le riforme attendono».

Share
Tags:

Comments are closed.