13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 4, 2020
Home Lettere Opinioni Due progetti della Lilt nelle scuole primarie e secondarie

Due progetti della Lilt nelle scuole primarie e secondarie

La promozione della salute tra i giovani è uno degli obiettivi della Lilt, la Lega contro i tumori. Proprio per la sua attività divulgativa è stata nominata “Ente formatore” per il Ministero della Pubblica istruzione ed incaricata di svolgere corsi di formazione e aggiornamento per i docenti sulle metodologie di educazione alla salute. Quest’anno l’associazione punta particolarmente a questo fine e per l’attività di sensibilizzazione ha destinato un terzo del suo bilancio. La Lilt di Belluno, in collaborazione con la Direzione regionale e con il Centro di servizio per il volontariato di Belluno, ha così messo in atto per l’anno scolastico 2009-2010 due progetti dedicati alla scuola primaria e secondaria della provincia di Belluno. Il primo, pensato per la scuola primaria, ha come titolo “C’era una volta… e poi vissero sani e contenti”, è curato da Rossana Canova  ed è diretto ad alunni, famiglie, insegnanti, personale scolastico, presidi e comunità. Lo scopo è prevenire comportamenti e stili di vita a rischio per la salute. Il progetto si sviluppa nei tre anni di scuola, dalla terza alla quinta elementare, mediante questionari, interviste, ricerche, diario, cartoline per coinvolgere i vari attori attraverso incontri, gruppi e laboratori. Lo scopo è fornire messaggi positivi mediante diverse forme grafico-espressive, con al termine un questionario di verifica delle conoscenze sui temi dell’alcol, fumo, salute. Per la scuola secondaria di primo e secondo grado (medie e superiori), il progetto della Litl ha come titolo “I funamboli praticanti”, ed anche in questo caso coinvolge studenti, famiglie e insegnanti. Il metodo è interattivo, mediante il giocodramma e la psicomotricità, con l’obiettivo di sviluppare la teatralità umana per conoscere il mondo reale e cercare di trasformarlo. La Lilt auspica un grande coinvolgimento delle scuole, che avranno l’opportunità di inserire i progetti in modo assolutamente gratuito all’interno delle proprie attività. L’associazione dispone di proprio  personale docente e numerosi volontari in grado di organizzare al meglio gli interventi nei vari istituti scolastici. Per aderire ai progetti è necessario compilare una scheda di adesione, reperibile direttamente nella lettera che la Lilt ha inviato alle varie scuole, oppure nella sede provinciale dell’associazione, in via del Piave 5 a Belluno. Per informazioni si può contattare il numero telefonico 0437 944952.

Share
- Advertisment -



Popolari

Si cerca Primo De Bortoli, 56enne di Pedavena che non è più rientrato da un’escursione

Pedavena (BL), 04 - 08 - 20  Si concentreranno domani nella zona di Pian d'Avena, Col Melon, le ricerche di Primo De Bortoli, il...

Sicurezza, protezione civile, pubbliche manifestazioni. Riunione in Prefettura. Decisa la nuova sede operativa della protezione civile nella nuova caserma dei vigili del fuoco

Si sono tenute oggi, al Palazzo del Governo, presiedute dal prefetto Adriana Cogode, due riunioni sui temi legati alla sicurezza e, in particolare, sulla realizzazione...

Sospirolo. Ancora montagna e cinema sotto le stelle

Incontri su sogni e vette che salvano la vita. Mercoledì 5 agosto ore 21.00 a Sospirolo - piazza Segato, “Cengie, guglie, cascate. Il legame dell'amicizia...

Visita guidata con degustazione e concorso fotografico nell’antico borgo di Belluno

Il gruppo di commercianti tra porta Dojona e via Mezzaterra, riuniti nella pagina "L'Antico Borgo ti fa la spesa", non si ferma nemmeno in...
Share