Thursday, 17 October 2019 - 00:08
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

“La morte sospesa”, mercoledì sera il documentario di Kevin Mc Donald a Cirvoi

Set 12th, 2009 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Meteo, natura, ambiente, animali, Pausa Caffè

Mercoledì alle 20.30 nella sala  dell’associazione “Cortivi di Cirvoi” (bar Cooperativa): “La morte sospesa” di Kevin Mac Donald..  Due inglesi appassionati di alpinismo decidono di tentare un’impresa mai riuscita prima: scalare la parete ovest della Suria Grande, sulle Ande peruviane. Con molte difficoltà i due riescono ad arrivare in cima, ma la discesa si dimostra molto più complicata del previsto…
Tratto dall’omonimo libro di Joe Simpson, questa pellicola del bravo documentarista Kevin Mac Donald (Un giorno a Settembre) racconta con grande efficacia con la disavventura capitata a Simpson e al suo compagno di cordata Simon Yates nel 1985. Simpson e Yates si mettono in testa di diventare i primi a scalare il versante ovest della Siula Grande. Ma i due hanno fino a quel momento scalato solo le Alpi e non sono preparati allo scenario che si trovano davanti sulle Ande peruviane. Riescono comunque ad arrivare in cima, ma la discesa è più dura del previsto e Joe si rompe una gamba. Simon fa di tutto per riportarlo al campo base, ma quando il peso dell’amico diventa un pericolo per la sua stessa vita decide di tagliare la corda che li lega…

La morte sospesa è un documentario ben girato e chiaramente ben studiato. Alternando le interviste ai veri protagonisti con le scene ricostruite sulle Alpi (e qualche inquadratura aerea delle Ande), Macdonald riesce a dare un quadro estremamente chiaro degli eventi (a parte una piccola mancanza nel finale) e a creare alcuni momenti davvero di grande effetto, donando suspense ad ogni sequenza della pellicola. Certo è difficile restare seri pensando ad un uomo che in punto di morte si trova a canticchiare una canzoncina dei Boney M, ma in una situazione disperata come quella in cui si trova Simpson tutto è possibile e il film riesce a non perdere mai di interesse, risultando alla fine anche un ottimo veicolo per dare alla Montagna un’immagine ancor più imponente e spaventosa. Sconsigliato agli spettatori impressionabili, caldamente consigliato a tutti gli altri.

Venerdì 18 settembre l’associazione propone un incontro con Riccardo Selvatico intitolato “Racconti disordinati alla ricerca della neve” (Alpamayo-Perù, 2009).

Share
Tags:

Comments are closed.