Saturday, 19 October 2019 - 21:35
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sei nuove leve nel progetto di servizio civile del Comitato d’Intesa

Set 3rd, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

E’partito lo scorso primo settembre il progetto di servizio civile regionale del Comitato d’Intesa “Promotori di solidarietà nella provincia di ”. Sei i giovani volontari che hanno iniziato la loro esperienza presso la Casa del volontariato di e le sedi operative dei distinti progetti a , in Alpago, Valbelluna e . Il progetto si sviluppa in due ambiti e tre azioni. Nell’ambito dell’assistenza e servizio sociale una prima azione si concretizza nella Conca dell’Alpago e si intitola “Alpago: Anziani giovani, giovani e anziani -AGGA”. Partner dell’iniziativa sono l’Associazione Gruppo volontari Ceno Barattin, i cinque Comuni dell’Alpago, la Comunità Montana, la Consulta giovani dell’Alpago e il Gruppo Alpini di Chies d’Alpago. L’obiettivo è di rafforzare il concetto di domiciliarietà, considerando l’alta percentuale di persone anziane che vivono nel territorio dell’Alpago. Nell’ambito della promozione e organizzazione di attività educative e culturali, ci sono due azioni. Una è stata chiamata “Inquadrati – dare visibilità alla solidarietà”, e riguarda l’area dell’intera provincia di Belluno. Lo scopo è di rendere visibile l’impegno delle associazioni e di altre forme di aggregazione a favore della propria comunità, dando voce al volontariato e alla solidarietà. L’ultima azione, denominata “Attivatori di economia solidale, educazione multiculturale”, è distribuita soprattutto in Valbelluna presso i centri della Onlus Samarcanda. Lo scopo è di favorire il consolidamento dei rapporti tra le diverse associazioni, lo scambio di esperienze e la costruzione di progettualità comuni, favorendo tra i giovani lo sviluppo di un approccio critico e positivo alle tematiche dell’economia solidale, consumo critico, sviluppo sostenibile, pace, diritti umani. Partner sono l’Ufficio scolastico provinciale di Belluno, Samarcanda, Insieme si può, Comitato Pollicino. I sei giovani selezionati per portare avanti le tre azioni  sono: Riccardo Chiesura e Jessica Barat per il progetto “Alpago: Agga”, Giorgio Dell’Osta Uzzel e Cristiana Isabel Bratti per il progetto “Inquadrati”, e Silvia Donà e Paola Da Ros per il progetto “Attivatori”. I civilini resteranno in servizio per un anno presso le sedi del progetto, dopo una fase iniziale di formazione generale alla Casa del volontariato di Belluno, in via del Piave , seguita da una formazione specifica che consenta ai giovani volontari di attuare la propria collaborazione nei rispettivi ambiti di lavoro.

Share
Tags: ,

Comments are closed.