Saturday, 19 October 2019 - 21:35
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Assegnato alla Ulss n.1 di Belluno il progetto Interreg IV Italia-Austria “Disagio giovanile e problemi alcol correlati”

Set 2nd, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Sanità
Stefano Valdegamberi

Stefano Valdegamberi

La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’Assessore regionale alle politiche sociali Stefano Valdegamberi, ha affidato all’Azienda Ulss n.1 di Belluno la gestione e l’attuazione del progetto“Disagio giovanile e problemi alcolcorrelati: conoscenza, innovazione e sperimentazioni”, approvato a livello europeo ai sensi del Programma operativo transfrontaliero “Interreg IV Italia – Austria” per il periodo 2007-2013. Ne dà notizia lo stesso Valdegamberi il quale spiega che il progetto vede come soggetto partner per il Veneto, la Regione Friuli e la Regione austriaca della Carinzia. “E’ importante che la collaborazione internazionale si sviluppi su questo tema – afferma l’Assessore – perché solo la realizzazione di buone prassi comuni può combattere l’abuso di sostanze alcoliche che sta mettendo a rischio molti giovani e anche giovanissimi”. 

Ospedale San Martino Belluno

Ospedale San Martino Belluno

 La proposta progettuale organizza il piano di attività in ‘workpackage’, che esprimono nel dettaglio le attività necessarie alla realizzazione di ciascun obiettivo specifico e cioè il policy maker, le reti locali dei servizi e degli operatori pubblici e privati del territorio, le azioni pilota rivolte direttamente ai giovani in alcune realtà specifiche. Il progetto ha avuto avvio nel mese di ottobre 2008 e si concluderà il 30 settembre 2010, salvo proroga. Le risorse finanziarie assegnate all’Ulss n.1 sono di complessivi € 280.415. La Regione del Veneto – Direzione Regionale per i Servizi Sociali – coordinerà le azioni di promozione e divulgazione delle conoscenze acquisite nell’ambito del progetto, promuovendone la loro visibilità e trasferibilità a livello transfrontaliero. “In considerazione della specifica competenza e professionalità acquisite, la deliberazione regionale – spiega Valdegamberi – ha individuato nell’Azienda U.L.S.S. n. 1 di Belluno, per il tramite del Progetto “Unità Mobile” dell’Unità Operativa Ser.T. di Belluno, il soggetto cui affidare la gestione operativa delle iniziative indicate nella proposta progettuale e nel relativo piano di finanziamento”.

Share
Tags:

Comments are closed.