Sunday, 20 October 2019 - 07:55
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Candidatura campionati del mondo sci alpino 2015: Cortina lancia la nuova sfida

Set 1st, 2009 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero

Riparte il conto alla rovescia, il lungo percorso verso la presentazione della candidatura di Cortina ai Campionati del Mondo FIS di Sci Alpino 2015. Ieri (lunedì 31 agosto) è stato inviato il Dossier, il Candidature Questionnaire, che in modo puntuale presenta Cortina d’Ampezzo e il suo progetto, in attesa dell’incontro ufficiale del 23 settembre a Zurigo, quando le città candidate incontreranno il FIS Inspection Group. Si è concluso così il secondo importante passo della corsa verso la Candidatura di Cortina per i Mondiali di Sci Alpino del 2015. In questi ultimi mesi si è lavorato alla stesura del documento di candidatura che illustra il progetto volto a presentare la Regina delle come location privilegiata per ospitare il grande evento. Il documento presenta innanzitutto Cortina, meta turistica storica e conosciuta in tutto il mondo, da sempre vocata a ospitare eventi sportivi di portata internazionale. E non pensiamo solo alle Olimpiadi del ’56, perché la storia di Cortina è indissolubilmente legata al grande sport da inizio secolo. E’ del 1902, infatti, la prima competizione di sci. Nel 1903 nasce lo Sci Club Cortina, premiato nel 1973 dal Comitato Olimpico italiano con la “Stella d’Oro” per meriti sportivi. Nel 1941 i primi Mondiali di Sci di Cortina. E, per arrivare ai giorni nostri: dopo il grande successo dei Mondiali di doppio misto di Curling 2009, sono alle porte, il prossimo aprile, i Mondiali maschili. Il comitato ha già strutturato l’organigramma, coinvolgendo enti e realtà specializzate nell’organizzazione: ordine e competenze specifiche, queste le caratteristiche alla base del lavoro preparatorio della candidatura. L’obiettivo è quello di affrontare puntualmente ogni aspetto: da quelli più tecnici a quelli sportivi, dai trasporti all’ospitalità, dalla comunicazione alla tecnologia, senza trascurare gli eventi collaterali e la promozione. L’impatto dei Mondiali a Cortina d’Ampezzo avrebbe come effetto immediato quello di una ricaduta tangibile sul rinnovamento delle sue strutture. Fondamentale presupposto è senza dubbio il piano di adeguamento delle piste e degli impianti, in cui gli interventi preventivi porteranno a condizioni ottimali, garantendo piena soddisfazione di tutti i requisiti richiesti dalla FIS, nel pieno rispetto del paesaggio e dell’ambiente.  Numerose le strutture e gli eventi collaterali all’evento: tra le novità si prevede un importante  scenografia per le cerimonie e le premiazioni – che avranno sede nello storico Stadio Olimpico del ghiaccio appena ristrutturato – proprio come avvenne per le Olimpiadi del 1956. Senza dimenticare la varietà dell’offerta della Regina delle : una proposta capace di spaziare tra sport e tradizione, dalla mondanità alla valorizzazione delle , di recente dichiarate Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO.  “Il completamento del Dossier entro il 1 settembre era la seconda tappa importante da rispettare dopo il versamento della quota per l’iscrizione del1 maggio scorso avvenuta anche quella puntualmente – aggiunge l’assessore allo Sport e turismo Herbert Huber -. Il documento è stato seguito da Giovanni Valle, visionato dal Comitato per l’approvazione  ed è stato concretizzato ed elaborato dal segretario generale Dott. Nicola Colli che assieme ad alcuni collaboratori hanno fatto veramente un ottimo lavoro. Credo sia anche il momento di fare due precisazioni riguardo a quanto letto ultimamente su molti aspetti non prioritari per ora, come per esempio la traduzione del Dossier visto che fino al 23 settembre parliamo di una versione ancora provvisoria. Certo il lavoro e le difficoltà, comprese quelle finanziarie, non mancano in percorsi di questo tipo, ma stiamo lavorando in sinergia con tutti gli enti che possono contribuire a riportare l’attenzione sulla montagna e di cui attraverso la candidatura, Cortina deve essere portavoce”. “Sono stati mesi impegnativi – aggiunge il segretario generale Nicola Colli – che ho condiviso con Francesco Dariz, Michele Dimai e Francesco Ghedina. Siamo partiti dal lavoro realizzato per la precedente candidatura, di questo ringrazio Enrico Valle per avercelo reso disponibile. Più che di un restyling, si può affermare che è stata operata una revisione completa del precedente documento, per tenere in debita considerazione sia contesto che per certi versi è mutato, sia le nuove linee guida della FIS. Abbiamo trovato la collaborazione del Centro Valanghe di Arabba che ci ha fornito lo storico dei dati meteo degli ultimi dieci anni, dell’Agenzia delle Dogane del Veneto con la quale abbiamo sottoscritto un protocollo di intesa nonché del Consorzio Impianti a Fune per i dati tecnici degli impianti di risalita”.
Prossimo step – dopo l’invio del documento di candidatura – l’appuntamento del 23 settembre a Zurigo, quando le tre città candidate, Cortina d’Ampezzo (ITA), St.Moritz (SUI) e Vail/Beaver Creek (USA), incontreranno il FIS Inspection Group al fine di presentare e confrontarsi con i tecnici della Federazione Internazionale sui contenuti del dossier. L’iter della candidatura proseguirà il 15 e 16 ottobre ad Antalya, in Turchia, con il sopralluogo al sito del congresso in calendario a maggio 2010.

Share
Tags:

Comments are closed.