Wednesday, 22 August 2018 - 07:02

Farmacie di confine: ancora nodi irrisolti. Federfarma richiama l’attenzione sul caso bellunese

Ago 22nd, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Roberto Grubissa presidente di Federfarma Belluno

Roberto Grubissa presidente di Federfarma

Un bellunese, tornando a casa da un ospedale altoatesino, entra nella sua farmacia di fiducia e presenta la ricetta per alcuni farmaci. Il farmacista è costretto a negarglieli e suggerirgli di recarsi dal suo medico per farsi riscrivere la prescrizione. La scena si ripropone  quasi quotidianamente nei paesi di confine tra la provincia bellunese e quelle di Trento e Bolzano. La norma a livello nazionale non permette “sconfinamenti” di ricette tra regione e regione, salvo apposite intese a livello locale. L’accordo c’è con il Friuli Venezia 
Giulia e con la Lombardia è appena stato firmato. Manca per gli altri  confini. “I cittadini di Padola, così come quelli di Lamon, questa intesa tra Veneto e province autonome la aspettano da anni – spiega Roberto 
Grubissa, presidente di Federfarma Belluno, – nel frattempo la Regione  Veneto e Federfarma Veneto sono riusciti a stipulare l’intesa con la Lombardia per agevolare i cittadini che si recano nelle farmacie di 
confine tra Verona e Mantova. Auspichiamo quindi che l’iniziativa  della giunta regionale e dell’assessore Sandro Sandri prosegua anche per i casi che riguardano farmacie e cittadini bellunesi. Se l’intesa 
con Trento e Bolzano andrà a buon fine, le farmacie faranno la loro parte spedendo le ricette al servizio sanitario regionale dal quale quella ricetta proviene ed evitando perdite di tempo per i cittadini, per i medici e per i farmacisti”. “Servirebbe anche da noi un accordo simile siglato tra Veneto e  Lombardia – commenta Pietro Mattiuzzi dalla sua farmacia di Padola,  Comelico Superiore – perché sono molti i bellunesi che si rivolgono  agli ospedali di San Candido, Brunico e Bressanone e che poi si presentano nella farmacia del loro paese non sapendo che qui la loro  ricetta non serve. Casi del genere ci capitano quotidianamente. Le 
ricette fatte al di fuori del Veneto sono a totale carico del cittadino. E’ un problema di ordine burocratico”. Federfarma Belluno raccoglierà le segnalazioni dei farmacisti che operano a ridosso del confine interregionale e si attiverà a livello  regionale per sollecitare l’iter che può portare all’atteso protocollo 
d’intesa a favore delle farmacie dei confini dolomitici.

Share
Tags: ,

Comments are closed.