Thursday, 22 August 2019 - 13:13
direttore responsabile Roberto De Nart

“Il bandito” di Sante Rossetto sabato ad Auronzo

Ago 18th, 2009 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Ma davvero una volta il clima sociale era più tranquillo e sicuro?  Se c’è qualcuno che lo crede dovrà ricredersi leggendo il bel romanzo di Sante Rosetto “Il bandito. Violenza e criminalità nella Repubblica Veneta” (Sismondi editore) che verrà presentato sabato 22, alle 17.30, nella sala municipale di Auronzo. Introdurrà lo scrittore trevigiano Oscar De Gaspari.  Rossetto, partendo dall’analisi delle sentenze penali del Seicento, traccia un quadro drammatico della situazione nella Repubblica veneta in quel periodo. Assalti notturni alle case, aggressioni nelle strade, risse durante le feste, baruffe nelle osterie, stupri, omicidi, rapine ai corrieri, furti nelle chiese. Un panorama pauroso se confrontato con la situazione attuale. E le scarse forze dell’ordine potevano fare ben poco. Il protagonista del volume di Rossetto è uno dei tantissimi malviventi che popolavano le contrade della terraferma veneta (ma la situazione negli altri stati europei era simile e ancora peggiore). Chi nasceva povero aveva dinanzi a sé la prospettiva di una esistenza raminga e affamata. Così molti non trovavano altra scelta che darsi alla malavita. Ma tra i malviventi troviamo anche numerosi nobili. Valentino, il personaggio del libro, è il capo di una banda che agisce nell’Asolano. L’autore racconta le loro imprese malavitose e, insieme, traccia un quadro della condizione sociale in cui viveva il popolo nel secolo che gli storici hanno definito di ferro.  Un periodo dominato dalla Controriforma cattolica che imprimerà il suo sigillo sulla società fino alla metà del Novecento. E, contemporaneamente, il lettore potrà conoscere altri aspetti che riguardano la vita dei soldati in un periodo funestato da lunghissime guerre, l’arrivo nelle campagne della pianta del mais, i cambiamenti delle abitudini e dei costumi. Non, quindi, soltanto un libro che si occupa di violenza e criminalità, ma uno studio che si apre ai più vari aspetti sociali. La tecnica del romanzo storico, poi, assicura una lettura agile e gradevole soprattutto per chi è in vacanza.

Share
Tags:

Comments are closed.