Tuesday, 20 August 2019 - 08:02
direttore responsabile Roberto De Nart

Angelo Funes Nova nominato presidente onorario di Confindustria Belluno Dolomiti

Ago 7th, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Giovedì sera il Consiglio Direttivo di Confindustria , su proposta del Presidente Valentino Vascellari, ha nominato Angelo Funes Nova Presidente Onorario dell’Associazione Industriali di Belluno. Primo a ricoprire tale carica, Angelo Funes Nova è stato acclamato all’unanimità da tutti i presidenti e i vice presidenti delle sezioni merceologiche che compongono il Consiglio che dirige l’Associazione, plaudendo con gratitudine all’impegno e alla dedizione che hanno contraddistinto l’attività associativa cinquantennale di Angelo Funes Nova. “Angelo Funes Nova è una persona straordinaria, un imprenditore dai meriti eccezionali che si è sempre prodigato nelle attività dell’Associazione e per gli imprenditori associati” – dichiara Valentino Vascellari Presidente di Confindustria Belluno – “Pronto a rispondere ad ogni chiamata, sensibile e sempre teso verso il raggiungimento di un comportamento onesto e corretto, Angelo è il punto di riferimento etico riconosciuto da tutti gli imprenditori della nostra Associazione.”La figura del Presidente Onorario è stata recentemente introdotta dalla modifica dello Statuto dell’Associazione Industriali, entrato in vigore lo scorso giugno. La carica ha durata quinquennale, e prevede la rielezione. Quale Presidente onorario, Angelo Funes Nova avrà funzione di garante per il raggiungimento delle finalità ideali dell’Associazione e di consigliere personale del Presidente; gli potranno essere affidati incarichi di rappresentanza e parteciperà alle riunioni del Cosiglio Direttivo dell’Associazione.
Angelo Funes Nova è nato nel 1935; vive e lavora a Puos d’Alpago, nel bellunese.
Ha attraversato cinquant’anni di vita associativa: è stato componente del Consiglio Direttivo nel corso di dieci presidenze sulle undici che hanno complessivamente caratterizzato la storia dell’Associazione Industriali dalla sua fondazione ad oggi.
Tra i fondatori nel 1959 del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Belluno Dolomiti, Funes Nova è Presidente della Sezione Industrie del legno dal 1976 al 1992 , componente del Consiglio Direttivo di Federlegno Arredo negli anni ’80, Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti nel 1977; dal 2003 ricopre la carica di Presidente dei Probiviri di Confindustria Belluno Dolomiti.
L’amore che mette nello studio del legno e nell’attività associativa si riflette anche nel sociale: dal 1962 al 1995, per ben 33 anni, è giudice conciliatore del Comune di Puos d’Alpago. Nel 2003-2004 è Presidente del Rotary di Belluno.
Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana dall’83, Cavaliere Ufficiale dall’87, Commendatore nel 2007, esperto del legno, massimo conoscitore delle patologie e delle alterazioni della materia, ricercatore, divulgatore, docente: Angelo Funes Nova è una personalità unica, conosciuta ed apprezzata dai maggiori ricercatori e studiosi italiani. La sua xiloteca è considerata una delle più preziose d’Italia, arricchita dalla raccolta di più di 600 esemplari scientificamente classificati e dallo studio di centinaia di insetti responsabili degli attacchi al legno.
Nel 2002 scrive il volume “Il legno così com’è”, con il quale mette su carta il sapere maturato in una vita ricca di analisi e di studi sul legno. La pubblicazione, diventata Best seller, gli vale l’apprezzamento unanime del mondo scientifico, delle imprese e del grande pubblico.
Nel 2006 riceve dall’Università di Padova la Laurea Honoris Causa in Scienze Forestali e Ambientali.

Share
Tags: ,

One comment
Leave a comment »

  1. Sono stato a visitare il sig. Angelo perché grande è la fama nella nostra provincia per la sua eccezionale conoscenza dei legni. Ho avuto tanta soddisfazione per le risposte molto competenti che ho ricevuto, per la sua bravura nel farmi vedere i campioni dei legni di cui avevo chiesto informazioni, della sua affabilità e della cortesia riservatami. Complimenti a lui e a sua moglie. Spero di avere ancora l’occasione di incontrarlo per essergli riconoscente degli insegnamenti che mi ha dato.