Saturday, 21 October 2017 - 21:23

Canoni passi carrai: in 6 anni l’Anas ha aumentato fino all’ 8mila%. Confindustria Belluno Dolomiti apripista di una vertenza nazionale

Lug 24th, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro Economia Turismo, Riflettore

 “Negli ultimi 5-6 anni i canoni applicati dall’Anas sui passi carrai per le attività con accesso alle strade statali fuori dei centri abitati sono aumentati dal 500 fino all’8mila per cento”. Lo ha detto questa mattina in sala Caldart di Palazzo Doglioni-Dal Mas il vicedirettore di Confindustria Marco Melchiori, nel corso dell’incontro con le associazioni di categoria, Ascom, Appia-Cna, Unione artigiani e Piccola industria di , il Comitato passi carrai, al quale ha partecipato anche il senatore Maurizio Fistarol. “Importi sproporzionati rispetto alla natura delle attività che hanno accesso alle strade – ha detto Melchiori – e che solo in parte sono stati attenuati dall’intervento politico. Gli accessi di competenza di Veneto Strade, ad esempio, sono stati risolti grazie alla mediazione di Giampaolo Bottacin, quando era consigliere regionale”. Anche i canoni dei passi carrai nei centri abitati dei Comuni della Provincia, che rappresenta il 60% dei casi, sono stati risolti a suo tempo. Come ha spiegato il direttore dell’Appia-Cna Walter Capraro: “Nel 1999 come associazione di categoria chiedemmo un parere all’avvocato Stefano Bettiol, sulla base del quale venne proposto e poi accettato l’esonero dei canoni per i cittadini residenti nei centri abitati”. Pertanto, a pagare il salasso, sono rimaste quelle aziende che si sono trovate con l’accesso a strade di competenza dell’Anas e fuori dei centri abitati. L’Eurobloc di Sedico, ad esempio, che nel 2001 aveva un canone di 250 euro, nel 2008 si è trovata una bolletta di 2.167 euro. “Il buon senso non ha regnato in questa vicenda” commenta il direttore dell’Ascom Luca Dal Poz, che ha sottolineato come non esista un corrispettivo per gli importi addebitati alle aziende. “Inoltre – ha detto –  vi sono situazioni diffuse di sofferenza tali, che se quelle aziende dovessero pagare tutti i canoni richiesti, rischierebbero la chiusura dell’attività”. Il senatore Maurizio Fistarol, firmatario con l’onorevole Maurizio Paniz di interpellanze parlamentari sulla questione, ha spiegato che a determinare questa situazione è stata la legge Finanziaria del 2007, con la quale lo Stato e i governi che si sono succeduti (di destra e di sinistra) hanno diminuito gli stanziamenti all’Anas, lasciando mano libera all’Ente di applicare gli aumenti, spremendo gli sfortunati che si sono trovati l’attività prospicente alle strade dell’Anas. Stiamo parlando di un totale nazionale di 23 milioni di euro l’anno, “un importo relativamente ininfluente”. Sul quale l’Anas non avrebbe nulla da ridire, se la somma fosse rimpiazzata dallo Stato. Ma è appunto questo il problema. In un clima di recessione, con leggi finanziarie che vanno a raschiare sempre di più il fondo del barile, ci sarà veramente la volontà politica del governo di star ad ascoltare le istanze di chi, probabilmente, non fa massa critica?

Share
Tags: ,

One comment
Leave a comment »

  1. Giovedì 30 Luglio il comitato incontrerà i vertici di ANAS Veneto, porteremo una ventina di casi emblematici, dove si evidenzia che è più gravosa la tassa che ANAS applica agli utenti che il guadagno che essi ricavano dalle loro attività.. molti se pagassero quanto stabilito da ANAS non avrebbero un guadagno sufficente per tenere aperto la loro attività.
    Ormai il tempo del dialogo stà per scadere, abbiamo spiegato in tutti i modi che questa gabella è quanto di più Disonesto si potesse studiare, lo consideriamo un pizzo di Stato, un Gesto e un sistema Mafioso di rapinare le nostre attività..
    Lo stato e ANAS dimostrino ai cittadini di non essere dei Mafiosi e trovino immediatamente una soluzione che renda giustizia alla nostra laboriosa popolazione..
    per il comitato
    il presidente
    Luciano Soffiato
    tel 3402238976

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.