Thursday, 14 December 2017 - 06:30

Tutti i bambini di Cortina attorno al “Grande Albero di Old Floor” per giocare, imparare e crescere

Lug 20th, 2009 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Il Grande Albero Old Floor aspetta tutti i bambini in piazza del Municipio. Un suggestivo albero-gioco alto tre metri e mezzo, su una grande pedana in legno, attorno al quale ogni sabato d’agosto i più piccoli fino a 12 anni potranno ascoltare fiabe, partecipare a laboratori interattivi e giochi. Un evento culturale, con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, promosso da Old Floor, azienda veneta che produce pregiati parquet e curato da DelineoDesign. Un progetto che, in omaggio a Bruno Munari, nasce per stimolare la creatività insita in ogni bambino. Nei suoi laboratori ludici, Munari lavorava sull’estrema ricettività sensoriale dei più piccoli, convinto che l’infanzia sia il momento più fertile per la formazione di una personalità pienamente creativa. La memoria percettiva registra fin dai primi anni di vita innumerevoli stimoli e attraverso la fantasia, il gioco e il coinvolgimento dei cinque sensi, i bambini possono crescere liberi da stereotipi e mantenere anche da adulti una mente dinamica ed elastica. Ispirandosi all’originale metodo pedagogico del grande maestro, il designer Giampaolo Allocco di DelineoDesign ha sviluppato per Old Floor un albero un po’ magico. Una suggestiva struttura, sviluppata in piani paralleli ruotabili e liberamente posizionabili in modo che i bambini possano cambiarne all’infinito forma e colore, componendo in modo creativo e individuale il proprio albero.  Anche le numerose iniziative previste ogni sabato all’ombra del Grande Albero Old Floor sono studiate per stimolare la fantasia, la manualità e la sensorialità infantile. In compagnia di attori, pittori, musicisti, con la partecipazione in particolare dello scultore Mario Lampo, i bambini si daranno appuntamento sulla grande pedana, accogliente come un nido. Qui, in apertura di ogni pomeriggio ( ed una serata , il 22 agosto, in cui saranno coinvolti anche gli adulti), musiche dal sapore orientale e la narrazione di storie fantastiche di boschi, foglie e bizzarre creature. Poi, di volta in volta, i piccoli partecipanti potranno lasciarsi catturare dalle avventure di Marco Polo sul filo di affascinanti calligrafie che nascono sotto i loro occhi. O assistere ad uno spettacolo di burattini fatti a mano, dove saranno loro a decidere come si svolge la storia di Cappuccetto Rosso. E ancora, seguire gli ipnotici gesti dello scultore che libera sorprendenti figure racchiuse nel legno, lasciarsi cullare dalla poetica avventura di un uomo che, da solo, fece crescere cinquemila nuovi alberi in una terra brulla che grazie alla sua tenacia e fantasia diventò prospera e felice. Come gran finale tutti i bambini insieme  saranno coinvolti nella costruzione corale di  un bellissimo albero di carta. Perché, come diceva Bruno Munari, “Un bambino creativo è un bambino felice!”Fil rouge degli spettacoli e giochi che Old Floor dedica ai bambini e alla loro immaginazione, è  l’amore per la natura e per il suo mistero, attraverso il fascino magico e sensoriale degli alberi e del legno, materia viva che assume mille forme anche per mano dell’uomo. Di legno sono le imbarcazioni con cui Marco Polo solca i mari del Sud,  le sculture plasmate dallo scultore Mauro Lampo, la struttura portante dei burattini artigianali e la splendida pedana che Old Floor regala alla città di Cortina. Con questo evento l’azienda ha voluto anche rendere uno speciale tributo a Cortina d’Ampezzo e agli splendidi scenari delle che l’UNESCO ha di recente dichiarato patrimonio dell’umanità. Old Floor coltiva un profondo legame con la natura e un grande rispetto per  l’ambiente. I suoi pavimenti nascono da una innata passione per il legno e per le lavorazioni artigianali che ne esaltano la bellezza e il  calore. Ogni albero viene selezionato dall’azienda con la massima attenzione al mantenimento delle riserve boschive. Ogni tavola viene lavorata senza fretta, con una spiccata cultura della manualità. Vitale e creativa proprio come quella di un bambino. 

Programma:
Sabato  1 agosto ore 17,30
PINOCCHIO NON ERA UNA MARIONETTA!
con Mauro Lampo scultore
Emanuele Giraldi mimo
Assistere alla nascita di una creatura sbozzata dal legno, vederne emergere a poco a poco la sagoma, i tratti quindi il carattere è uno spettacolo imperdibile, dal sapore magico, quasi oscuro. Mentre lo scultore plasma e da’ respiro alla forma, un mimo leggero e silenzioso, simula tutte le tappe della realizzazione. Nasce così un burattino di legno desideroso di camminare, esplorare e con una irrefrenabile voglia di libertà, che lo porterà presto a tagliare quei fili che lo legano al suo burattinaio creatore. Vagherà per il mondo, assaporerà l’ebbrezza del viaggio, conoscerà il gioco, gli alberi, i fiori, la tristezza, la paura.
Un finale ricco di sorprese vedrà il ritorno del nostro burattino nel suo mondo di legno irreale.

Sabato  8 agosto ore 17,30
L’UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI di Jean Giono
con Roberto Pagura voce narrante e performance pittorica
Giulio Venier violino, Michele Pucci chitarra
La storia di un pastore che trascorre gli ultimi cinquant’anni della sua vita a piantare cento alberi al giorno in una terra non sua, che a suo dire, stava morendo per mancanza di vegetazione: lo fa gratuitamente, senza secondi fini, dimostrando che, “gli uomini se vogliono, possono essere efficaci quanto Dio, non solo nel distruggere”.
La pienezza del testo è evidenziata dalla performance musicale, che ha un ruolo centrale ai fini della narrazione. Giulio Venier e Michele Pucci sono interpreti che si affidano alle particolarità ritmiche, melodiche e stilistiche del repertorio folk.
La performance pittorica di Roberto Pagura si inserisce così in questo percorso di sperimentazione teatrale capace di restituire intatta tutta la carica poetica del testo di Jean Giono.

Sabato  15 agosto ore 17,30
L’ALBERO DI CARTA a cura di Roberto Pittarello
con Roberto Pittarello, Giampaolo Allocco designer, Anna Gajo educatrice
Una semplice animazione dedicata a bambini e ragazzi. Un omaggio a Bruno Munari che
dice: un bambino creativo è un bambino felice.
Si assisterà in presa diretta proprio nel giorno di ferragosto alla costruzione di un Grande Albero di carta di oltre 10 metri. Il pavimento si ritroverà pieno di rami che i bimbi cominceranno a decorare con disegni ritagliati di foglie, di fiori, di frutta, di uccelli col loro nido, di animaletti vari e insetti…potranno disegnare tutto quello che vogliono, tutto quello che viene loro in mente, potranno anche fare il ritratto di mamma e papà, colorandolo e ritagliandolo per poi incollarlo sui rami. Questo gioco ha una finalità ben precisa, che è quella che dice “distruggendo il modello resta la regola”.
Quindi, il finale è ( quasi) a sorpresa!

Sabato  22 agosto ore 20,30
MARCO POLO: IL MILIONE
con Sandro Buzzati attore, Bebo Baldan  musicista, Farida danzatrice, Bruno Gripari calligrafo, Mauro Lampo scultore
Sulle note di musiche lontane e l’ascolto di una storia antica, i bambini saranno trasportati lungo la Via della Seta che da Venezia porta alla Cina degli imperatori Mongoli. Sarà un viaggio alla scoperta di come la lingua e la scrittura mutano a seconda dei luoghi, attraverso la performance di un calligrafo che con i suoi pennelli descriverà la storia di Marco Polo su rotoli di carta lunghi anche 30 metri, utilizzando diversi idiomi – arabo, persiano, cinese, mongolo e indiano. Ogni capitolo sarà contraddistinto da un ideogramma iniziale – come nei libri medioevali – che verrà scolpito su un blocco di legno, creando così una matrice che una volta intinta verrà impressa all’inizio del foglio. Alla fine, otto bellissime matrici e otto enormi rotoli di carta racconteranno la magia della serata con un finale imprevedibile!

Sabato  29 agosto ore 17,30
C’ERA UNA VOLTA CAPPUCCETTO ROSSO – Spettacolo di burattini.
Fiaba in atto unico liberamente tratta dalla narrazione popolare raccolta dai Grimm
con Cristina Cason e Paolo Saldari della pluripremiata compagnia l’Aprisogni
Primo premio al Festival Internazionale del Teatro per Ragazzi di Porto Sant’Elpidio (AP) ed. ’97 Concorso Nazionale “Le Figure del Futuro”. Premio unico della giuria popolare al Festival dei giovani Burattinai di Amalfi ed.‘98 Concorso Nazionale “Nuove Mani”.
Primo premio della giuria popolare al Festival “Alla Corte del Tavà” di Albese con Cassano (CO) ed. ’98.
 Attraverso una divertita reinterpretazione di un classico, la dinamica storia a “triangolo” fra la narratrice, il pubblico ed i burattini in baracca, farà nascere la magia sottile che può trasformare il racconto in una storia con scoppiettanti sorprese. Anche i personaggi si potranno immaginare somiglianti a qualcuno che conosciamo, con i loro vizietti, le proprie “fife” e le immancabili personali reazioni alla situazione del momento.
IN PUNTA DI DITA –Dal bosco delle meraviglie.
Laboratorio per bambini per la costruzione di burattini da dito
Non ci vuole chissà che per costruirsi questo piccolo amico: una testina morbida imbottita di stoffa, qualche perlina, tappo, bottoncino – un gomitolino di lana avanzato, pochi centimetri di nastro o merletto. Cristina e Paolo de ” l’Aprisogni.” aspettano tutti i bambini che credono alle meraviglie dei burattini, che una volta costruiti potranno parlare e giocare con voi per l’intero anno.

Share
Tags:

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.