Saturday, 20 July 2019 - 14:31

Contributi della Giunta veneta ai Comuni svantaggiati di montagna, per case di riposo e per la fiera “Caccia Pesca Natura”

Apr 21st, 2009 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

La Giunta regionale del Veneto ha approvato ieri (martedì 21 aprile) una serie di benefici economici a favore dei comuni ricadenti nelle aree svantaggiate di montagna. «Esprimo particolare soddisfazione – ha dichiarato Oscar De Bona al termine della seduta – perché questo  provvedimento proposto dal collega Flavio Silvestrin, assessore agli Enti locali, interessa numerosi Comuni della provincia di ».
Questi gli enti locali finanziati con 135 mila euro:
– Ospitale di , per lavori di ristrutturazione della ex scuola elementare e per lavori di riqualificazione urbana di Termine di ;
– Seren del Grappa, per la realizzazione di parcheggio e strada  di accesso al cimitero di Rasai;
– Domegge di Cadore, per l’adeguamento funzionale della piazza dei Martiri;
– Vigo di Cadore, per la ristrutturazione della ex scuola di Laggio;
– Canale d’Agordo, per il miglioramento delle infrastrutture per turisti e residenti;
– Sappada, per manutenzione ed adeguamento illuminazione pubblica;
– Livinallongo del Col di Lana, per acquisto di un’auto per la polizia municipale e un’altra per il trasporto anziani, per attrezzatura di sgombero neve e per una nuova tettoia nell’ecocentro;
– Falcade, per la ristrutturazione della scuola di Marmolada;
– Santo Stefano di Cadore, per il ripristino e la valorizzazione delle aree pubbliche di Costalissoio e Casada;
– La Valle Agordina, per il miglioramento dell’impianto sportivo delal “Boa”;
– Cencenighe Agordino, per il completamento dei lavori e l’arredamento della sala polifunzionale della nuova sede municipale;
– San Gregorio nelle Alpi, per il completamento del 1. stralcio del recupero di un fabbricato da destinare a sala polifunzionale;
– Lentiai: per la ristrutturazione della ex scuola elementare del capoluogo con cambio di destinazione a centro polifunzionale;
– Quero, per il recupero storico delle rive del torrente Tegorzo e la ricostruzione del molino Banchieri;
– Lozzo di Cadore, per ricostruire un muro di sostegno, ristrutturare locali di proprietà comunale, rivalorizzare l’area attigua alla chiesa “Percorso Benedetto XVI”, fornitura e posa di bussole nell’ex chiesa parrocchiale;
– Pedavena, per interventi di miglioramento della rete di illuminazione pubblica;
– San Vito di Cadore, per realizzare un parcheggio in prossimità dell’ex hotel San Marco e per realizzare una nuova strada in località “La Scura”;
– Taibon Agordino, per il collegamento pedonale sul Cordevole tra piazza San Cipriano e  piazza Municipio;
– Puos d’Alpago, per ristrutturare l’impianto termino del municipio con l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili;
– Farra d’Alpago, per interventi per la sicurezza viaria a Buscole con la realizzazione di parcheggi
Alano di Piave, per il 2. stralcio di lavori per l’ampliamento delle scuole medie.
Ad Alleghe è stato concesso il finanziamento di  € 102.870 per l’adeguamento  dell’impianto elettrico della scuola media di Caprile.
Per le spese correnti invece sono stati erogati contributi ai seguenti Comuni tenendo conto del più alto indice di svantaggio: € 19.485 a Gosaldo;  € 17.647 a Colle Santa Lucia, Danta di Cadore, Vallada Agordina, Rivamonte Agordino, San Tomaso Agordino; € 16.544 a Voltago Agordino; € 13.971 a Zoppè di Cadore, Sovramonte, Lamon.
«Sono grato inoltre ai colleghi assessori alle Politiche sociali Stefano Valdegamberi e alle Politiche faunistico venatorie Elena Donazzan per i provvedimenti portati all’approvazione della Giunta del Veneto a favore di iniziative in provincia di Belluno». Lo comunica l’assessore Oscar De Bona il quale fa sapere il dettaglio dei finanziamenti. Per lavori di adeguamento di strutture  socio-sanitarie per anziani non autosufficienti: € 600 mila per la residenza per anziani “Beata Gaetana Sterni” di Auronzo di Cadore;  € 500 mila per la casa di soggiorno “Giovanni Paolo II” di Santo Stefano di Cadore; € 500 mila per la casa di riposo  “Casa Charitas” di Lamon; € 160 mila per la casa di riposo “Madonna della salute” di Trichiana.    Per quanto riguarda il settore faunistico venatorio è stato concesso un contributo d i10 mila euro alla manifestazione di Longaronefiere “Caccia Pesca Natura”, ritenuto uno dei più importanti appuntamenti fieristici a livello regionale e nazionale in questa materia. Ad avvalorare ulteriore significato all’iniziativa è la sua collocazione in territorio montano

Share
Tags: ,

Comments are closed.