Wednesday, 21 August 2019 - 13:26
direttore responsabile Roberto De Nart

Ri-costituita “La sinistra” a Belluno, probabile anche una lista per le provinciali

Feb 28th, 2009 | By | Category: Prima Pagina

La presentazione ufficiale del movimento avrà luogo lunedì (2 marzo) a Roma. Ma venerdì sera abbiamo avuto un’anticipazione qui a di quel che sarà “La sinistra”. Ad illustrarci le linee guida c’erano Alessandro Sabbiucciu e Andrea Dapporto, con moderatore Maurizio De Poi. Andrea Dapporto ha sottolineato come la crisi economica abbia determinato la rottura della mobilità sociale. Tale per cui i figli di operai continueranno a fare gli operai. Critica serrata al Pd, “Un partito che non è in grado di prendere posizioni – ha detto –  perché equidistante da operai e confindustria”.  Alessandro Sabbiucciu, proveniente dell’area Vendola, quella uscita da Rifondazione comunista, si è soffermato su alcuni fenomeni politici degli ultimi anni. “Quella che è in corso – ha detto – è la prima grande crisi planetaria. Quella del 1929 in Europa sfociò nel nazismo! E quando una crisi economica comincia a mordere la carne viva della gente, possono verificarsi processi di deriva autoritari. La destra, con  legge Bossi-Fini, ha impedito agli immigrati di ottenere un lavoro a tempo indeterminato, abbassando i diritti degli ultimi! Dopodiché si è passati ai penultimi, con la legge Treu. E quando si affievoliscono i diritti del lavoro, anche i diritti civili sono affievoliti. Mentre quando sono tutelati i diritti del lavoro, sono più forti anche i diritti civili. Negli anni ’60 e ’70 con l’opposizione della sinistra, si portò la difesa della salute dentro e fuori la fabbrica. Venne data una pensione a tutti e passarono le leggi e i referendum sul divorzio e l’aborto. Poi con Prodi non si riuscì a fare una legge sui Dico. E la sinistra smarrì la sua capacità di reazione”. Sabiucciu ha terminato l’intervento ricordando la difesa dell’ambiente, del salario, la mobilità sociale, i diritti civili e un ritorno alla partecipazione della gente alla vita sociale.

Share
Tags:

Comments are closed.