Thursday, 17 October 2019 - 21:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Bellunesi traditi sull’autonomia

Feb 26th, 2009 | By | Category: Riflettore

“Era stato fatto un percorso nella Commissione Statuto per la costruzione della carta costituzionale del Veneto, e la parte qualificante per era un articolo dettagliato sulle funzioni che avrebbero dovuto passare in capo alla Provincia insieme ai soldi necessari per poterle svolgere”. Michele Dal Farra, coordinatore cittadino del Pd, sottolinea il “fallimento” della Lega e il naufragio delle speranze bellunesi sul tema dell’autonomia, completamente scomparsa dall’agenda politica in Regione. “Questo articolo, che doveva essere presente nello Statuto”, sottolinea Dal Farra, “era stato concordato e sostenuto dai cosiddetti Stati Generali della provincia di . Vi avevano partecipato tutti i mondi vivi e attivi della provincia che lo avevano approvato: forze economiche, sociali e la diocesi di . Oggi purtroppo arriviamo al dunque, cioè alla mancata approvazione dell’articolo che riguardava l’autonomia della Provincia di e che è stato cancellato con un colpo di penna dalla Commissione regionale per lo Statuto. E’evidente che i bellunesi ancora una volta sono stati traditi dai loro rappresentanti in Regione e dalle forze politiche alle quali questi appartengono: Lega Nord, Forza italia e Alleanza nazionale. Questo è l’ennesimo schiaffo che ci viene dato, la vittoria della politica che non ci vuole cittadini ma sudditi del potere. Con quello che appare oggi nello Statuto ci ritroviamo daccapo nella situazione di dover andare a Venezia con il cappello in mano a chiedere soldi per fare qualsiasi cosa e mandare avanti qualsiasi progetto, proprio come fanno i sudditi con il padrone. Se riguardo Forza Italia e Alleanza nazionale le speranze si erano già perse, la Lega Nord che fa del federalismo e dell’autonomia dei cittadini e dei territori la sua bandiera, ha gettato la maschera scoprendo le menzogne raccontate finora. I bellunesi alle ultime elezioni politiche hanno dato al Carroccio il 30% dei loro consensi, addirittura il capogruppo in consiglio regionale, Bottacin, è bellunese, ma nonostante questo siamo stati ugualmente venduti agli interessi di altri”.

Share
Tags:

Comments are closed.